I colori degli uomini-Ada Bottini

I colori degli uomini

 Il Portale dei bambini Si racconta che un tempo, anzi agli inizi di tutti i tempi, gli uomini fossero fatti di luce. La loro forma, simile a quella di adesso, era delineata da una luce più intensa di quella esterna, quindi erano visibili.
All’inizio ce n’erano quattro copie in tutto il mondo: lo spa­zio non mancava. Non era però un problema percorrerlo, per­ché i nostri uomini si muovevano velocissimi, come la luce e, in un fiato, andavano da un continente all’ altro.
Era stato detto loro che potevano scegliere la terra dove vivere.
La prima coppia rimase affascinata da una grande distesa di erba ondeggiante al vento caldo e secco, ombreggiata qua e là da grandi alberi dalla forma curiosa, mai visti altrove. Nell’ erba e all’ ombra degli alberi pascolavano migliaia di animali di ogni forma e colore. Altri si beavano in una pozza d’acqua fangosa: vi si rotolavano, si sfregavano la schiena e parevano trarne un gran­de piacere.
– E’ qui che voglio vivere. – Disse lei.
– Sono d’accordo. – Rispose lui.
– Guarda quelle bestie come si rotolano nel fango. Chissà
perché? – Si chiese la donna.
– Ci provano gusto., Si capisce. –
– Non potremmo farlo anche noi. Sembra così divertente! –
Suggerì lei.
– Non ne abbiamo bisogno. A noi non prude la pelle e non abbiamo caldo. –
– E’ vero, ma se non possiamo provare mai niente, che gusto c’è? –
La curiosità era grande anche in lui, così decisero di prova-
re. Si buttarono nel fango e vi si rotolarono con gusto.
Prima divennero opachi, poi marrone scuro, scuro.
Le altre coppie di uomini incominciarono a ridere di loro, a dire che erano stati curiosi e imprudenti, quindi era giusto che fossero diventati opachi e pesanti per sempre.
Era vero, infatti la prima coppia rimase con la pelle scura e così tutti i loro figli.
Poco dopo altri due si fermarono in una terra dalle alte montagne e grandi fiumi ricchi d’acqua. Sui pendii delle monta­gne nascevano magnifici fiori bianchi con grossi pistilli gialli profumatissimi.
Lei sospirò e disse che lì si sentiva particolarmente bene e ci avrebbe vissuto volentieri. Anche lui era d’accordo. Si guar­darono intorno per conoscere meglio il posto prescelto.
Lei era fortemente attratta dai fiori e voleva annusarli, anche se sapeva già che avevano un buon profumo. Ci fu una breve discussione tra i due. Alla fine 1’ebbe vinta lei.
Adagio adagio si avvicinò al giglio e vi posò il naso sopra, il polline le fece il solletico e lei starnutì. Il polline si sparse abbon­dante nell’ aria e incipriò di giallo i due, che divennero prima opachi e poi pesanti.
Da allora la loro pelle e quella di tutta la loro discendenza rimase gialla.
Nello stesso tempo un’altra coppia ammirava verdi prate­rie, sullo sfondo, rosse montagne di roccia ai cui piedi scorreva un fiume rumoroso e spumeggiante.
– Che strano colore quelle montagne, – disse lui – non abbiamo ancora visto niente di simile. Mi piacerebbe vivere qui.-
– Anche a me. –
– Vorrei scalare quelle montagne. – Riprese lui.
– Cosa t’importa di scalarle se in un attimo puoi esserci
sopra. – Rispose lei.
– Non è la stessa cosa. Mi piacerebbe sentire la roccia sotto le mani e sotto ai piedi. lo ci provo. – Disse.
io ti guarderò. – Rispose lei.
 Il Portale dei bambini
-Lui iniziò ad arrampicarsi e, appena toccò la roccia le sue mani divennero rosse, così i piedi. Poi un masso si staccò dall’alto e rotolò sopra di lui, senza ferirlo, ma ricoprendolo di pol­vere rossa perfino negli occhi. Lei vide la scena e, in un lampo, gli fu vicina e l’abbracciò con forza. Così insieme divennero opachi e rossicci. Di quel colore rimasero per il resto della loro vita e di quel colore sono ancora, alcuni abitanti di quel territorio. La quarta coppia volteggiava in una terra densa di foreste, limpidi fiumi, alte montagne. Le cime dei monti erano ricoperte di un manto bianco e luminoso. – Uhm che voglia di tuffarmi in quella neve immacolata. Disse lei. . – Vivremo qui, – rispose lui – ma non t’azzardare a toccare o assaggiare qualcosa. Sappiamo già tutto. Non abbiamo niente da imparare. – – SÌ, ma abbiamo tutto da provare. – Rispose lei. – Può essere pericoloso. Hai visto quello che è successo ai nostri amici che si sono immersi nel fango. Ora si muovono len­tamente, sono pesanti, devono faticare. – Ribatté lui. – Vivere così senza fare niente, senza imparare niente, non è divertente. lo voglio toccare la neve. – – Fai attenzione. – Raccomandò lui, mentre lei già, con le sue mani di luce toccava la neve. – Oh, è bellissimo, vieni prova anche tu. Non succede nien­te. – Gridava lei ridendo. Non si era accorta che le dita si sbiancavano a poco a poco. Lui la raggiunse. Lei per scherzo lo attirò a sé e insieme cadde­ro nella neve diventando tutti bianchi. Quando incominciarono a sentire freddo si accorsero anche .di quello che era successo: tutt’e due opachi, bianchi, pesanti. Restarono così, un po’ freddini anche, per il resto dei loro giorni e i loro figli ereditarono le stesse caratteristiche. Con il passare del tempo tutti dimenticarono la comune origine e il motivo del diverso colore della pelle degli uomini. C’è un segreto per capire il principio e il fine di ogni crea­tura. Questo segreto è l’amore. Alcuni lo praticano senza rispar­miarsi. Sono sulla strada giusta.
Il racconto e’ tratto dalla raccolta di favole di Ada Bottini.

La Storia di Rosa ovvero non sono pollicino…ma ci vado vicino!

La Storia di Rosa ovvero non sono pollicino…ma ci vado vicino!

NON SONO POLLICINO, MA… CI VADO VICINO!

Avete presente Pollicino? Beh, se io fossi il personaggio di una favola… sarei appunto Pollicino!
Anzitutto, gli somiglio perché – proprio come lui – mi sono ritrovata in dote una lunga fila indiana di fratelli maggiori, sempre pronti a stuzzicare e a criticare. Fratelli a cui – nonostante tutto – voglio anche molto bene, perché quando ero più piccola hanno comunque saputo giocare con me e m’hanno insegnato tante cose divertenti. M’hanno fatto capire, soprattutto, che la condivisione è il segreto per essere più forti e più grandi, più allegri e fiduciosi. Almeno, quando ci si riesce… E, bisogna pur dirlo, non è mica una cosa facile facile sopportarsi e crescere insieme. Non son bazzecole!
Come Pollicino, poi, mi sono persa un paio di volte nel bosco ingarbugliato della vita: ho fatto i miei tentativi e le mie prove, lasciando cadere lungo la strada molliche (o briciole, che dir si voglia) e annusando tante vie diverse. Un pò come un cane segugio, sperso e perplesso.
Ho pensato, allora, a dove mi sarebbe davvero piaciuto arrivare: prima d’essere sorpresa dalla notte e dalle ombre, proprio come nella favola, era importante capire. Era importante pensare. Perciò riflettevo: che potrò mai fare, quando sarò finalmente cresciuta? E anche questa, lo sapete, non è una cosa banale.
Così, da principio, ho creduto che mi sarebbe piaciuto fare l’attrice di teatro; ma – ad esser sincera – è stato solo il pensiero d’un brevissimo momento. Mi sono divertita soltanto a provarci, a salire su un palco e ad affrontare il buio sussurrante della sala. E mi è anche molto servito: serve sempre a una timidona come me… Ma non era quella esattamente la mia via. Dunque, ancora oltre a cercare sentieri nel bosco…
Poi, ho provato a studiare da archeologa: bellissima cosa e, tuttavia, impresa troppo faticosa rispetto alla relativa forza della mia passione per le tracce lasciate dagli antichi. Passione importante, sì, ma non certo paragonabile al bisogno che ho sempre avuto di scrivere. Che, del resto, è un pò come lasciar cadere i famosi sassolini di Pollicino. Tracce nere sulla carta bianca.
Sì… Quella, in verità, è sempre stata la marcia più potente per me: scrivere. E’ come una specie di sete di parole, capace di trascinarmi lontano e di farmi sentire finalmente libera come un gabbiano. Scrivere mi fa scivolare dentro di me e svolazzare attorno alle cose, là dove mi posso sentire coccolata e sicura come nell’abbraccio di un amico sincero. Un pensiero che mi piace.
Beh, non mi ricordo né quando né come ho cominciato a scrivere. Oltretutto, ho frequentato una scuola elementare Montessori, quindi davvero a me manca anche l’esperienza – comune a molti altri – delle noiose paginette piene di lettere e letterine. Io, al contrario, so solo di aver sempre scritto volentieri – fin dall’inizio – frasi su frasi. E, con o senza errori, le mie lunghe storie a quei tempi venivano appese alle pareti della classe o riempivano i cassetti delle scrivanie di casa. Anno dopo anno, si allungavano assieme a Rosa.
Al di là di quanto potessi essere effettivamente brava, questo era un fatto incredibile: per una bambina, infatti, rintracciare un ambito in cui essere lodata e riconosciuta equivale ad aver trovato la lampada d’Aladino o la gallina dalle uova d’oro. E’ un modo per sentirsi sicuri, soddisfatti, fieri. Indipendenti persino nei momenti di noia e di solitudine. Quando ti perdi in cupi pensieri.
Per questo, alla fine, sono finita a fare la giornalista e la redattrice. Ho scritto di campi da golf e di partite di polo, di campioni di tennis e di grandi stiliste, di personaggi famosi e meno famosi, di luoghi d’arte e di villeggiatura. Persino, a un certo punto, m’è capitato di fare articoli sulle auto d’epoca. Pensate un pò: io, che non ho mai nemmeno preso la patente!!
Lavorare in una redazione, digitando veloce su una tastiera come un pianista che fa scivolare le sue mani sullo strumento, è sempre stato il mio sogno. E, nel mio piccolo, ci sono dunque riuscita. Un viaggio meraviglioso, tra montagne di carta e idee da realizzare. Tutti insieme.
A dirla tutta, ho inventato anche i testi di qualche pubblicità e ho preso un diploma in Scienze della Comunicazione: un pezzo di carta con su scritto “copy-writer”. Una cosa divertente, anche quella. Un messaggio, più o meno colorato, che deve correre dritto all’occhio e all’orecchio del suo ricevente. Un salto, una capriola: tutto d’un fiato e quindi dritto come la freccia sul centro.
Insomma, eccomi qua. Non ho fatto cose eccezionali, ma credo di aver cominciato a capire – finalmente – dove voglio andare. O meglio, dove voglio tornare.
Voglio tornare, ogni giorno, a leggere storie come da bambina. E a scriverne, se possibile. Oppure a raccontare – anche a voi, perché no! – quanto sono belle quelle create dalla penna e dalla matita di qualcun altro. Qualcuno che mi somiglia o che mi affascina per la sua diversità da me, qualcuno che mi distrae dalla tristezza o che mi trascina in una lunga risata. Fino – non c’è dubbio – alla parola fine.
Il bello, del resto, è che terminato un racconto ne può cominciare subito un altro. E – se leggere è come cominciare un nuovo viaggio, e forse qualcuno l’ha già detto – scrivere, per me, è come ritrovare la strada: lasciare cadere, non senza fatica, i sassolini di Pollicino; e fare in modo che, l’indomani, siano ancora lì. Per correre nel tempo, indietro e avanti. Per gettare un ponte tra il cuore e i pensieri, liberi di volare eppure ancorati a me stessa. Al mio modo di percorrere la vita, foglio dopo foglio. Con un punto che sta per un respiro, una virgola che abbraccia un’idea appena nata.
Tutto qui. Ora ho quasi quarant’anni (ma ci devo sempre pensare prima di dirlo, ché non mi pare proprio possibile!) e ho finalmente imparato a lanciare sassolini al posto del pane. Sassolini per mia figlia, che è la cosa più bella che abbia mai disegnato. Sassolini per tutti i bambini che incontro, per le strade cittadine o in altri dedali virtuali. A loro, con gioia, ho ormai deciso di dedicare il mio lavoro. Quel poco o tanto che so fare – scrivere, leggere, pensare, inventare… – ho stabilito di metterlo a loro disposizione. Come? Piazzandomi come un segnalibro canterino dentro piccoli-grandi libri da non farsi sfuggire, inventando con altri amici incontri educativi e corsi creativi, organizzando dibattiti tra genitori e insegnanti. E, soprattutto, non perdendo mai il gusto di tornare io stessa piccola piccola. Come Pollicino.

Rosa Benedica Nicolini
rosa.nicolini2@virgilio.it

Mamma, il mio compagno e’ violento.

Mamma, il mio compagno e’ violento.

È un fenomeno sociale purtroppo dilagante. Violenze, soprusi e minacce di ragazzini contro compagni di scuola, bambini. Ma, è possibile fare qualcosa? E come?

Atti di prepotenza e sopraffazione, minacce, furti, tormenti fisici e verbali, insulti. Quando tutta questa violenza si manifesta da minore a minore prende il nome di bullismo, un fenomeno che tende a svilupparsi gia’ in ragazzini di 8-9 anni. Aiutati, nella loro misera impresa, anche dalla tecnologia che rende i ”giovani bulli” ancora piu’ organizzati: telefonini, e-mail, internet consentono di diffondere informazioni delle vittime e di tormentarle piu’ facilmente, costringendole a vivere in un clima di terrore.

I luoghi del bullismo

Tutto questo avviene soprattutto a scuola. Quindi, la collaborazione tra operatori scolastici e famiglia e’ d’obbligo se si vuole prevenire e combattere il bullismo. Aiutando i ragazzi a socializzare, facendo loro capire che la violenza e’ espressione di debolezza e non di forza, educando al rispetto del prossimo. Ma, soprattutto, isolando i soggetti aggressivi.

DA LEGGERE

”Piccoli bulli crescono”
di Anna Oliviero Ferraris
Da consultare in rete:
www.bullismo.com

Cosa fare se…
Il bambino e’ preoccupato e cerca scuse per non andare a scuola? Il suo rendimento e’ calato? Accusa disturbi fisici durante l’anno scolastico che ”magicamente” scompaiono quando e’ in vacanza? Perde troppo spesso oggetti e soldi, non e’ invitato dagli amici e non invita nessuno? E’ irascibile e aggressivo al rientro da scuola o dopo aver ricevuto una telefonata o un sms? Tutti questi segnali devono far sospettare che sia vittima di episodi di bullismo. In questi casi e’ bene parlargli, fargli capire che puo’ fidarsi di voi. Spesso, infatti, subisce ricatti dagli ”aguzzini” e ha paura ad ammettere cio’ che avviene. Subito dopo informate gli insegnanti dei vostri sospetti e chiedete loro maggiore attenzione. O rivolgetevi a una delle associazioni anti-bullismo, presenti nelle principali citta’ italiane, per dei consigli. Se, invece, sospettate che sia vostro figlio ad essere un piccolo bullo, cercate di capire, ma non sottovalutate mai il suo comportamento. Siate un esempio di rispetto e civilta’ e se scoprite un furto, un insulto o una minaccia verso un compagno, obbligatelo a scusarsi e a rendere il maltolto.

Difendiamoli dallo smog.

Difendiamoli dallo smog.

Lo smog è un nemico da cui è sempre più difficile difendersi. Ecco, allora qualche prezioso consiglio anti-inquinamentoTosse, rinite, asma, difficolta’ respiratorie sono alcune delle manifestazioni legate all’inquinamento atmosferico. Disturbi che possono peggiorare coll tempo, fino a causare danni gravi e permanenti.L’organismo dei bambini è delicato e risente di più dei danni provocati dall’inquinamentoA provocarli sono gli scarichi delle auto, i sistemi di riscaldamento delle abitazioni, i fumi e i vapori tossici industriali. Meglio conosciuti come polveri sottili, rappresentano solo una parte degli agenti inquinanti che si diffondono continuamente nell’aria. E i bambini, purtroppo, sono quelli che rischiano di piu’, anche perche’ passano piu’ tempo all’aria aperta, nelle ore dedicate al gioco. Ma difendere la salute dei nostri figli e’ possibile. Vediamo come.

Un po’ di buon senso

Nelle giornate particolarmente a rischio di polveri sottili segnalate dai mezzi d’informazione, e’ bene evitare di uscire o, se proprio dobbiamo farlo, preferire il marsupio al passeggino (che viaggia proprio all’altezza dei tubi di scappamento). Sono sconsigliate, inoltre, le ore di punta, tenendo presente che sciarpe o mascherine sono purtroppo inutili contro l’inquinamento. Le polveri sottili si respirano comunque, arrivano ai bronchi o si depositano sulle corde vocali. Anche gli ambienti chiusi non sono immuni dalla contaminazione, ma molto si puo’ fare per renderli piu’ salubri. Polvere, fumo passivo, composti organici volatili (in detersivi, vernici e simili) sono sempre in agguato dentro casa. Quando acquistiamo certi prodotti e’ importante, quindi, leggere le etichette, evitando quelli contenenti sostanze tossiche quali la formaldeide, e preferendo detergenti privi di silicati. E, poi, eliminare dai fornelli le incrostazioni che, surriscaldate, rilasciano fumi tossici. Attenzione a stufe e caminetti e al giusto ricircolo di ossigeno. Infine, combattere muffe, funghi e acari con una buona aerazione.

 

A TAVOLA

Cibi sani, ricchi di vitamine, quali frutta fresca e verdura di stagione, sono un vero toccasana contro i danni causati dall’inquinamento perchè apportano principi nutritivi importanti. I nostri figli dovrebbero sempre poter scegliere spuntini di questo tipo piuttosto che merendine preconfezionate e troppo grasse. Infine, è bene tenere presente che l’inquinamento si combatte anche con un costante impegno quotidiano: insegniamo ai bambini a non sporcare, a non imbrattare e buttare cartacce per strada e daremo una mano alla salute di tutti.

Un problema senza eta’

Un problema senza eta’

La depressione può colpire anche i più piccoli. Ecco i campanelli d’allarme e i consigli per non farsi cogliere impreparati

La depressione, definita spesso ”la malattia del secolo”, e’ un disturbo contraddistinto da una costante e durevole condizione di tristezza e infelicita’ che puo’ perdurare anche per molto tempo. Un disagio che colpisce il 3% dei bambini e il 9% degli adolescenti italiani: un numero importante e sicuramente in crescita, che ci deve mettere in allarme, inducendoci non solo a capire i problemi dei piu’ giovani e a curarli, ma anche e soprattutto a prevenirli.

I segnali

Vi sono, pero’, alcuni comportamenti che possono aiutare i genitori a comprendere l’insorgere di uno stato depressivo e quindi a consultare un medico che li guidera’ poi alla scelta di uno psicologo o di un neuropsichiatra infantile.

LE COSE DA FARE

Parlare ai propri ragazzi, qualunque età essi abbiano, in maniera sempre molto diretta,< senza ambiguità e mantenendo un comportamento chiaro e prevedibile. Evitare di proteggerli in maniera esagerata rendendoli fragili ed insicuri. Preservarli da discussioni tra coniugi e da tensioni familiari che non li riguardano. Insegnare loro ad accettare gli insuccessi che fanno parte della vita e sostenerli nel superamento delle loro paure, angosce e difficoltà. Sono, questi, tutti gli atteggiamenti che possono difendere e proteggere i nostri piccoli dalla depressione.

I piu’ evidenti: mancanza di interesse verso il gioco o attivita’ che prima entusiasmavano; difficolta’ di concentrazione e poca reattivita’; stati diffusi di tristezza e desiderio di solitudine; rallentamento dello sviluppo psico-motorio e laconicit a’; forte irritabilita’ e mancanza di energia; cambiamento delle abitudini alimentari e del sonno.

A scatenarla, oltre ai fattori ambientali che agiscono sulla psiche, contribuiscono anche cause genetiche

Soprattutto nel periodo dell’adolescenza, fase molto complicata in cui l’autostima subisce forti contraccolpi e in cui i ragazzi sono alla ricerca di una propria identita’, i giovani sono particolarmente soggetti a rischio di depressione. Pur non trascurando che in questa eta’ altresi’ usuale che gli adolescenti si esprimano con comportamenti spesso contraddittori e tendano a staccarsi dalla famiglia o da abituali gruppi, e’ essenziale che i genitori aiutino i propri figli cercando di prevenire il disturbo. Inoltre, e’ bene ricordare che mentre l’adulto e’ in grado di comprendere che cosa sia un comportamento depresso e di poter essere quindi affetto da questa malattia, il bambino e’ incapace di fare questa distinzione. Se non curati e seguiti, i bimbi piu’ piccoli rischiano di crescere sviluppando veri e propri disturbi della personalita’. Conducendo poi ogni giorno una battaglia sfinente contro i propri disagi e l’;impossibilita’ di essere felici e soddisfatti. Infine, facendo i conti con un’accanita ipercriticita’ verso se stessi e indebolendo una gia’ scarsa fiducia verso il prossimo.

Quell’antipatico mal di pancia

Quell’antipatico mal di pancia

La colite e’, oggi, un disturbo molto diffuso che si manifesta con sempre maggior frequenza anche tra i più piccoli. Ecco qualche semplice consiglio per affrontarla al meglio.

Le cause scatenanti la colite sono ancora poco chiare perche’ il problema può presentarsi sia per errori alimentari o disfunzioni, sia per stati psicologici di irrequietezza ed ansia prolungata.
I sintomi, al contrario, sono classici e riconoscibili: dolori e crampi addominali, gonfiore, meteorismo, senso di pesantezza accompagnato da fenomeni di diarrea e/o stitichezza.
Purtroppo, non ci sono cure specifiche per questo disturbo, ma di sicuro i genitori possono intervenire essenzialmente in due modi: supportando il piccolo con pazienza e affetto ed integrando la sua dieta con fermenti lattici. Aiutarlo, quando l’eta’ lo con-sente, a comprendere il malessere di cui e’ vittima, di sicuro e’ un primo passo per sostenerlo.
Spesso la scuola e le difficolta’ ad essa collegate, la timidezza, la paura di non essere adeguati, portano i bambini a scaricare le tensioni proprio sull’intestino, che diventa così una sorta di ”valvola di sfogo” delle loro preoccupazioni, la ribellione di un fisico sotto stress.

SOLO PER I PIU’ PICCOLI

Negli ultimi anni sono stati lanciati sul mercato fermenti lattici probiotici dedicati proprio ai bambini. In grado non solo di migliorare le condizioni della flora batterica, ma anche di apportare vitamine del gruppo B, che contribuiscono a rafforzare le difese immunitarie e il processo assimilativo dei nutrienti. Soprattutto delle proteine e del calcio.

I fermenti lattici

Contemporaneamente, e’ opportuno parlare con il pediatra e considerare l’utilizzo di fermenti lattici: si somministrano con molta facilita’ e aiutano l’intestino a riprendere le sue normali funzionalita’.
La flora batterica intestinale e’, in fatti, un sistema biologico molto delicato, composto da miliardi di microrganismi che, se correttamente equilibrati tra loro, producono nell’intestino un ambiente favorevole all’assorbimento delle sostanze nutrienti. In questo modo viene facilitata la regolarita’ intestinale, e il sistema immunitario e’ rinforzato. I fermenti lattici (come il Lactobacillus acidophilus) creano un ambiente intestinale ostile ai batteri nocivi inibendone la proliferazione. In commercio esistono molti tipi di fermenti lattici vivi che, se usati come integratori alimentari, servono a riequilibrare la flora batterica e a restituirle efficienza. Tenendo sotto controllo, per quanto possibile, anche gli attacchi di colite.

Addio notti in bianco

Addio notti in bianco

Addormentarsi con facilita’ e riposare per tutta la notte non e’ certo la norma per gran parte dei bambini. In alcuni casi e’ possibile parlare di problemi legati al sonno, in altri e’necessario verificare se ci sono abitudini sbagliate che portano i piccoli ad agitarsi e a fare capricci.Nella prima infanzia e’ abbastanza frequente che il piccolo non riesca a lasciarsi andare nel momento di passaggio tra la veglia e il sonno e che questo fomenti paure ed ansie mentre è solo nel suo lettino. Cio’ lo induce a impuntarsi per non andare a dormire e rimandare il più possibile quel ”brutto” momento. Un consiglio valido, pur nella sua estrema semplicita’, e’ quello di utilizzare il dialogo e il confronto, mantenendo in ogni caso una discreta fermezza. Passare un po’ di tempo con lui mentre si assopisce, raccontare una favola e dargli un morbido orsacchiotto da abbracciare che sostituisca la presenza del genitore sono semplici ma efficaci ”trucchi” che lo aiutano a distendersi.

PER SAPERNE DI PIU’

Per approfondire questi argomenti, un libro interessante e di facile lettura e’ ”Dormi, bambino, dormi – Guida rapida al sonno dei bambini” di Estivill Eduard – Feltrinelli, che insegna ai genitori come disciplinare il sonno dei loro figli sin dalla prima infanzia in modo naturale e concreto.

E’ bene anche rendere la sua stanza il piu’ possibile idonea alle ore notturne: una piccola luce che non lasci il bambino nell’oscurita’ totale e che lo aiuti ad orientarsi nei possibili risvegli e’ un piccolo ma pratico espediente per tranquillizzarlo. Inoltre, e’ importante stabilire delle regole: non addormentarsi sul divano o nel letto di mamma e papa’, osservare gli orari e avere un piccolo rituale da seguire ed eseguire, come ad esempio bere una tisana, lavarsi con calma i denti, dire le preghiere. Questi atteggiamenti predispongono mentalmente il bambino a rilassarsi e ad abituarsi gradualmente al momento di andare sotto le coperte. Se, invece, durante la notte continua a svegliarsi e vuole venire nel lettone, ricordate che non bisogna mai incentivare questa cattiva abitudine, estremamente dura poi da eliminare. Anche se la stanchezza e’ tanta occorre riaccompagnarlo nel suo letto, rassicurarlo e fargli con pazienza capire, soprattutto se ha superato i tre anni, che e’ giusto che lui dorma per conto suo. Anche incentivarlo con piccole ricompense puo’ essere un incoraggiamento utile per trattenerlo nella sua stanza: qualche sacrificio e’ pur sempre accettabile se c’e’ un premio in palio! Se invece ci sono stati dei cambiamenti importanti nella sua vita, quali una nuova abitazione, l’inserimento alla scuola materna o un periodo di tensione tra i genitori (avvertita inequivocabilmente dal piccolo) e’ possibile che il sonno diventi difficile da conquistare ed e’ buona norma avvisare il pediatra che ci consigliera’ quale trattamento seguire.

Tv e videogiochi: istruzioni per l’uso

Tv e videogiochi: istruzioni per l’uso

Gli adolescenti che abusano di monitor e joystick, con il passare del tempo corrono dei rischi sia a livello fisico che psicologico. E’ quindi necessario conoscere i pericoli di tali consuetudini ed educarli a fare buon uso di certi passatempi.

Ore ed ore passate davanti alla televisione a guardare cartoni animati e telefilm. Per non parlare, poi, dell’utilizzo smodato dei videogiochi. Insomma, la maggior parte dei nostri ragazzi passa il suo tempo in un modo decisamente poco istruttivo. Ma c’e’ di piu’. Queste pessime abitudini possono addirittura rappresentare un pericolo per la salute. Il primo, anche se non molto diffuso, e’ rappresentato dagli attacchi epilettici, dovuti soprattutto alle stimolazioni luminose. Tale fenomeno non deve pero’ creare angosce perche’ interessa, per fortuna, solo i soggetti definiti fotosensibili, che dovrebbero evitare sia i videogiochi, che la permanenza prolungata davanti allo schermo della televisione. Il fatto che un ragazzo non sia a rischio di crisi epilettiche non lo mette, pero’, al riparo dalle insidie di play station e simili, che spesso si manifestano solo dopo molto tempo. Infatti, i bambini che passano ore davanti al televisore o al monitor di un videogioco possono accusare problemi alla schiena e alle scapole (irrigidimenti e dislocazioni) provocati dalla postura scorretta. Spesso, poi, le loro occhiaie sono livide e soffrono di disturbi del sonno, con stati di irrequietezza e irritabilita’. Possono manifestarsi, inoltre, problemi di concentrazione, e tendenza al sovrappeso per mancanza di attivita’ fisica. E, se da un lato, i giochi elettronici aumentano la velocita’ dei loro riflessi e certe storie che seguono in tv possono stimolare la loro fantasia, e’altrettanto vero che la maggior parte dei bambini viene negativamente influenzata dalle vicende proposte, non sempre ”pacifiste”. Essi finiscono, cosi’, col vivere in un mondo irreale, nel quale i messaggi violenti sono la norma, dove i piu’ forti vincono sempre, e senza troppa fatica, e il mancato rispetto delle regole corrisponde alla normalita’. E’ bene quindi tenere d’occhio i comportamenti e le reazioni soprattutto dei piu’ piccini, che hanno scarsa capacita’ critica, e ricordare che un monitor non e’ mai una buona balia: puo’ al massimo essere un diversivo, una pausa, uno dei tanti modi per svagarsi ma, quel che conta, e’ che non sia l’unico.

A TUTTO C’E’ UN LIMITE

E’ determinante porre un limite all’utilizzo della televisione e dei videogiochi da parte dei bambini: due ore al giorno sono gia’ più che sufficienti! Cercate anche di indirizzarli verso attivita’ che possano coinvolgerli: avvicinarli a uno sport, a un hobby, offrirsi di accompagnarli da un amichetto o a fare una passeggiata e’ la miglior medicina per vincere la pigrizia (anche quella dei genitori) e farli uscire dalla loro camera. Socializzare, muoversi e stare all’aria aperta o in luoghi di aggregazione e’ uno stimolo importante ad una crescita equilibrata e serena.

I piccoli tele e video-dipendenti hanno molto spesso problemi di socializzazione.

Nanna: quanta e perchè

Nanna: quanta e perchè

Sono tante le domande, tanti i dubbi che riguardano la durata e la bonta’ del sonno dei bambini, e spesso mamma e papa’ si preoccupano più del dovuto. Ecco qualche consiglio rassicurante.

Il sonno serve al fisico per rigenerarsi, per riacquistare le energie perse, per poter affrontare in forma una nuova giornata. Lo stesso vale per il cervello che si ricarica, memorizza avvenimenti e informazioni. Ma, per aiutare il piccolo a sfruttarne tutti gli effetti positivi, e’ utile capire quando ha effettivamente bisogno di dormire, visto che ogni eta’ e’ diversa. Da neonato vostro figlio dormira’ parecchio, fino a toccare le 15 ore quotidiane, che caleranno in maniera vistosa gia’ attorno al primo anno. Verso i tre anni avrà bisogno di circa 12 ore di sonno per notte e, verso i sei anni, gli saranno invece sufficienti anche solo 9 ore. I risvegli notturni, invece, accompagnati da agitazione e capricci tendono, a lungo andare, a diventare un vero dilemma. In questi casi è bene distinguere le piccole paure, come quella del buio, da problemi comportamentali che cercano uno ”sfogo notturno”. Se in famiglia ci sono delle tensioni, se ci sono stati cambiamenti di scuola o di casa, se ‘ nato un fratellino, e’ possibile che il piccino manifesti inquietudini proprio durante il sonno. Cosa fare per aiutarlo ad addormentarsi e a non svegliarsi durante la notte? Per prima cosa e’ indispensabile dargli delle regole da seguire, ogni sera e con impegno. Non bisogna addormentarsi davanti alla TV ma solo nel lettino. E, quel che piu’ conta e’ far diventare il momento della nanna un rituale piacevole. Il piccolo non dovrebbe andare a dormire agitato per un precedente gioco impetuoso, ma in una stato di tranquillita’ psichica e fisica. Stare con i genitori e sorseggiare una tisana, fare un bagnetto rilassante ed essere accompagnato sotto le coperte dalla lettura di una favola e’ un modo per renderlo più sereno e meno ansioso, donandogli quindi sonni più duraturi e pacifici.

ADDORMENTARSI DA SOLO

I genitori non dovrebbero mai stare accanto al bimbo finche’ non si addormenta ma lasciargli prendere sonno da solo: in questa maniera, se si sveglierà durante la notte, non si troverà in una situazione nuova e paurosa ma sapra’ già che riaddormentarsi senza troppe storie non e’ poi così difficile ed utilizzerà ”i propri mezzi” senza chiedere soccorso. Con un po’ di allenamento vi accorgerete che e’ possibile ottenere velocemente buoni risultati per il sonno sereno dei vostri bimbi e anche per il vostro.

Far dormire il bambino a tutti i costi, imporgli lunghi pisolini pomeridiani non è necessario, soprattutto se non ne sente davvero il bisogno.

Ascensione

Il portale dei bambini

Il Portale Dei bambiniASCENSIONE

Dopo la sua passione Gesù si mostrò vivo ai suoi Apostoli con molte prove, apparendo loro per quaranta giorni e parlando del regno di Dio. Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere che si adempisse la promessa del Padre “quella, disse, che voi avete udito da me: Giovanni ha battezzato con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo, fra non molti giorni”. Così venutisi a trovare insieme gli domandarono: “Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele?”. Ma egli rispose: “Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta, ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samarìa e fino agli estremi confini della terra”. Detto questo, fu elevato in alto sotto i loro occhi e una nube lo sottrasse al loro sguardo. E poichè essi stavano fissando il cielo mentre egli se n’andava, ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: “Uomini di Galilea, perchè state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo” (At 1, 3-11).

 

Il Portale Dei BambiniARRESTO DI PIETRO E SUA LIBERAZIONE

In quel tempo il re Erode fece catturare Pietro, lo gettò in prigione, consegnandolo in custodia a quattro picchetti di quattro soldati ciascuno. Intanto una preghiera saliva incessantemente a Dio dalla Chiesa per lui. In quella notte, quando poi Erode stava per farlo comparire davanti al popolo, Pietro piantonato da due soldati e legato con due catene stava dormendo, mentre davanti alla porta le sentinelle custodivano il carcere. Ed ecco, gli si presentò un Angelo del Signore e una luce sfolgorò nella cella. Egli toccò il fianco di Pietro, lo destò e disse: “Alzati, in fretta!”. E le catene gli caddero dalle mani. E l’Angelo a lui: “Mettiti la cintura e legati i sandali”. E così fece. L’Angelo disse: “Avvolgiti il mantello, e seguimi!”. Pietro uscì e prese a seguirlo, ma non si era ancora accorto che era realtà ciò che stava succedendo per opera dell’Angelo: credeva infatti di avere una visione. Essi oltrepassarono la prima guardia e la seconda e arrivarono alla porta di ferro che conduce in città : la porta si aprì da sè davanti a loro. Uscirono, percorsero una strada e a un tratto l’Angelo si dileguò da lui. Pietro allora, rientrato in sè, disse: “Ora sono veramente certo che il Signore ha mandato il suo Angelo e mi ha strappato dalla mano di Erode e da tutto ciò che si attendeva il popolo dei Giudei” (At 12, 1-11).

Il Portale dei BambiniNELL’ORTO DEGLI ULIVI

Dopo queste cose, Gesù uscì e se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: “Pregate, per non entrare in tentazione”. Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e inginocchiatosi, pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà “. Gli apparve allora un Angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente; e il sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro: “Perchè dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione” (Lc 22, 39-46).

 

 

 

 

 

 

 

Le stimmate

Il portale dei bambini

LE STIMMATE

Stimmate di S.Francesco “Allorchè dimorava nel romitorio che dal nome del luogo è chiamato ‘Verna’, due anni prima della sua morte, (Francesco) ebbe da Dio una visione. Gli apparve un uomo, in forma di Sarafino, con le ali, librato con lui, con le mani distese e i piedi uniti, conflitto ad una croce. Due ali si prolungavano sopra il capo, due si dispiegavano per volare e due e due coprivano tutto il corpo. A quell’apparizione il beato servo dell’Altissimo si senti ripieno di un’ammirazione infinita, ma non riusciva a capirne il significato. era invaso anche da vivi gioia a da sovrabbondante allegrezza per lo sguardo bellissimo e dolce col quale il Serafino lo guardava, di una bellezza inimmaginabile; ma era contemporaneamente atterrito nel vederlo conflitto in croce nell’acerbo dolore della passione, …Mentre era in questo stato di preoccupazione e di totale incertezza, ecco: nelle sue mani e nei piedi cominciavano a comparire gli stessi segni dei chiodi che aveva appena visto in quel misterioso uomo crocifisso”. (Celano, I, 94; FF484).

Il Portale dei bambini

Con l’Angelo rividi la Mamma Ero piccolo, mamma, e t’ho persa. . Senza te nella vita ho viaggiato, – ma il tuo amore non mi ha mai lasciato. /Con un’ansia segreta ho vissuto: -riuscire a vedere il tuo viso, -contemplare il tuo dolce sorriso. / Il tuo volto… e non essere piu solo , -epoter qualche volta sognare – uno sguardo, un sorriso d’amore. /Potrà mai un Angel di Dio – esser sordo al richiamo di un cuore – mosso solo da fede e da amore? /Una notte lucente di stelle – dolcemente mi prese per mano – e non fu per condurmi lontano ./ Volle solo indicarmi una stella – e poi disse: “Ora guarda col cuore – quell’astro che brilla d’amore: /E’ tua mamma ed è piu bella!”.

Il Portale Dei Bambini

“C’era una volta un bimbo…”. Un bimbo tanto buono, ma tanto, tanto triste. Il segreto dolore che lo consumava era la mancanza della mamma, che aveva perso nel venire alla luce, e il desiderio piu grande era quello di poter vedere almeno una volta il suo viso. Un giorno sentì raccontare che basta guardare una stella cadente ed esprimere un desiderio per vederlo subito avverato. Da allora, tutte le notti quel bambino si fermava a lungo sotto il cielo stellato, ma senza poter mai scorgere una scia luminosa. Una notte, più stanco del solito, si addormentò. Allora, nel sogno, L’Angelo cistode lo prese per mano e gli indicò una stella. Il bimbo triste guardò la stella e il cuore gli battè forte di gioia: nella stella c’era sua madre.

L’Annunciazione

Il portale dei bambini

L’ANNUNCIAZIONE

Nel sesto mese, L’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazareth, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrato da lei disse: ” Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te”. A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo disse: “Non temere, Maria, perchè hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine “. Allora maria disse all’Angelo:”Come è possibile? non conosco uomo”. la rispose l’Angelo:”Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevanosterile: Nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del signore, avvenga su di me quello che hai detto”. E l’Angelo partì da lei (Lc 1,26-38).

Il Portale Dei Bambini

Angeli di colore.
Pittore, ti voglio parlare – mentre dipingi un altare.
Io sono un povero nero – e d’una cosa ti prego.
Pur se la Vergine è bianca – fammi gli angioletti neri …
Tutti i bimbi vanno in Cielo – anche se son solo neri.
Se tu dipingi con amor – perchè disprezzi il mio color?
Se vede bimbi neri – Iddio sorride lor.
non sono che un povero nero,
ma nel Signore io credo, e so che tiene d’accanto
anche i neri che hanno pianto.
Quando dipingi le chiese, – là fra le candele accese,
fra gli Arcangeli, ti prego, . metti un angioletto nero! Cancion moruna di Magiste – larici – Testoni
Edizioni Southern – Milano

Il Portale Dei bambini

TENTAZIONI NEL DESERTO Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. Il tentatore allora gli si accostò e disse: “Se sei Figlio di Dio, di che questi sassi diventino pane”. Ma egli rispose: “Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Allora il diavolo lo condusse con sè nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poichè sta scritto: Ai suoi Angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perchè non abbia a urtare contro un sasso i tuo piede”. Gesù gli rispose: “Sta scritto anche: Non tentare il Signore Dio tuo”. Di nuovo il diavolo lo condusse con sè sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: “Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai”. Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”. Allora il diavolo lo lasciò ed ecco Angeli gli si accostarono e lo servivano (Mt 4, 1-11).

Gli Angeli

Il portale dei bambini

GLI ANGELI
Sono presenti in tutte le culture.
La figura degli Angeli, come divinità intermedia, in un modo o in un altro, è presente in tutte le culture, ma è legata in maniera particolare alle religioni monoteiste, come entità di raccordo tra la Realtà infinita, totalmente trascendente e assolutamente sacra, e il mondo creato; qualcosa che salvaguarda la “purezza suprema” della divinità nei suoi rapporti con l’opacità delle realtà contingenti.

Origine degli Angeli
L’ambiente nativo degli Angeli, come sono presenti nella nostra cultura, è da ricercarsi nel vicino Oriente (Mesopotamia, Fenicia, Egitto), e più in particolare nella Persia di Zoroastro, intorno al 1500 a.C. Da questo habitat, la Bibbia deriva i suoi “Angeli”, che demitizza e personalizza dopo il ritorno del popolo ebraico dall’esilio babilonese (sec. VI a.C.), con l’affermarsi del più rigido monoteismo.

Il Portale Dei Bambini

Valore e significato della figura degli Angeli
Gli Angeli (dal greco àngelos, ebraico Malach), messaggeri di Dio, a volte si presentano in modo sfumato, evanescente, realtà di confine tra la consistenza della materia e l’impalpabilità della trascendenza; altre volte assumono caratteristiche umane, molto definite e concrete. Due aspetti, quindi, due volti, quello umano e quello divino, che si intrecciano tra loro con estrema naturalezza, senza entrare in contraddizione. Questo deriva dalla loro funzione di raccordo tra il Creatore e le creature, dal loro esistere per: per trasmettere la volontà di Dio, per evocare la sua presenza paterna e provvidente, per essere custodi e guide, per richiamare a noi, creature distratte, il mistero dolce e amorevole di Dio. Esistenze necessarie, quindi, segni aperti su un mondo impercettibile ma sostanziale, che ci permea e ci attrae con fascino irresistibile. Dal secondo secolo della nostra era si è sviluppata la convinzione che ognuno di noi ha un Angelo protettore, o Angelo-guida; più propriamente un Angelo custode che lo accompagna nel cammino faticoso della vita. In modo più soffuso e meno scontato, durante i secoli ha preso forma anche l’idea che ogni famiglia (o casa), ogni città, ogni raggruppamento umano (popolo o nazione), addirittura ogni entità cosmica, abbia un suo Angelo (o più Angeli), patrono e tutore preposto a custodire e dirigere la realtà a lui affidata.

Che cosa dice la Chiesa?
Al di là della proliferazione fantasiosa di Angeli, come si evidenzia nei testi apocrifi antichi, in ambiente cristiano, o ai margini di esso, come nel tardo ebraismo e nell’Islam, e nella consapevolezza della prudenza con cui vanno affrontate molte espressioni tradizionali, la Chiesa ritiene con evidenza di fede l’esistenza degli Angeli, nella loro natura di creature spirituali, dotate di intelligenza e volontà, superiori alle creature visibili, “servitori e messaggeri di Dio, potenti esecutori dei suoi comandi”. L’esistenza degli Angeli custodi invece non è ritenuta dalla Chiesa come dottrina in evidenza di fede, ma come convinzione consolidata da una ininterrotta tradizione. Per il resto, considerando la sobrietà con cui ne parla la Rivelazione, la Chiesa non trascura mai di ricordare che le creature angeliche, pur nella loro dolcezza, nel loro fascino e nello splendore di cui sono circondate, rimangono avvolte nel mistero di una trascendenza che non bisogna forzare. Insomma, parliamo di Angeli, ma… da poveri uomini.

 

www.frateindovino.eu

 

 

Gerarchie Angeliche

Il portale dei bambini

Il portale die BambiniGERARCHIE ANGELICHE
Tra gli innumerevoli tentativi di dare una identità e una organizzazione gerarchica agli spiriti angelici, voglio accennare a quella più accreditata che è la sistemazione indicata da Dionigi l’Areopagita (sec. V d.C.) nel suo notissimo libro De caelesti Hierarchia. Secondo questo autore, che si rifà ad alcuni passi della Sacra Scrittura, le schiere angeliche sono ripartite in nove ordini, raggruppati in tre cori angelici. La prima schiera, più sublime e più vicina a Dio, è costituita da Serafini, Cherubini e Troni; la seconda da Dominazioni, Virtù e Potestà; la terza da Principati, Arcangeli e Angeli. La prima schiera, secondo Dionigi, sarebbe “illuminata” direttamente da Dio, la seconda attraverso la prima, la terza attraverso le prime due. Ad ogni schiera sarebbe stato affidato da Dio un compito specifico. Pur tenendo presente che tutti e nove i nomi di queste schiere angeliche si riscontrano nella Sacra Scrittura e che quasi tutti ricorrono sovente nella liturgia, tuttavia la Chiesa cattolica non ha mai dato ufficialità allo schema dell’Areopagita, né ha fatto proprie classificazioni analoghe, neanche se redatte da grandi Santi.

NOMI DEGLI ARCANGELI
Dalla frase presente nel Libro di Tobia: “Io sono Raffaele, uno dei sette Angeli che sono sempre pronti a entrare alla presenza della maestà del Signore” (Tb 12,9), è diventata opinione diffusa che gli Arcangeli principali siano sette. Purtroppo solo di tre, Raffaele, Gabriele e Michele, la Bibbia ci fa conoscere il nome. Così la corsa a rintracciare nome e funzioni degli altri quattro si è fatta, fin dall’antichità, così caotica e spesso aberrante che la Chiesa, per evitare abusi ed eresie sconfinanti nella magia, nella Cabala, nell’occultismo e nell’esoterismo, si è sentita costretta a più riprese, in Sinodi e Concili, anche sotto pena di scomunica, a proibire di dare nomi e funzioni agli Arcangeli, al di là di quelli messi in evidenza dalla Bibbia (cfr. Laodicea 360, Roma 745, Aquisgrana 799).

ANGELI SENZA ALI
Le prime immagini di Angeli comparvero nei primi secoli del cristianesimo. La più antica che conosciamo è quella dell’Annunciazione raffigurata nella catacomba di Priscilla (fine II-inizio III secolo). Interessante notare che sino alla fine del IV secolo gli Angeli erano rappresentati senza ali, probabilmente per evitare che si confondessero con divinità pagane alate. Una volta uscito dalla clandestinità e riconosciuto ufficialmente dopo l’editto di Costantino (anno 313), il cristianesimo poté… mettere le ali agli Angeli. Questo va a smentire quanti hanno affermato che gli Angeli sono la semplice traduzione dell’immagine della Vittoria, dea alata pagana.

STRETTAMENTE RISERVATO
Durante lo scorrere dei secoli l’interesse per gli Angeli ha conosciuto alti e bassi, momenti di enfasi e momenti di marginalizzazione. Il Medioevo, ad esempio, ha rivolto un’attenzione particolare, talvolta anche esagerata, agli Angeli. Spesso sono state agitate con passione, da opposti schieramenti, questioni a dir poco esilaranti. Ad esempio: “Quanti sono gli Angeli?”; oppure: “Gli Angeli hanno un sesso?”; e in caso affermativo: “Di che sesso sono?”; oppure: “Quanti Angeli possono danzare sulla punta di uno spillo?”. Credo sia importante precisare che tutte queste “strane” domande scaturivano da una questione molto più seria: il problema della loro natura. Gli Angeli sono puri spiriti o hanno un corpo? Sono come immagini astratte o occupano uno spazio concreto? Sono “sostanze” puramente intellettuali o sono dotati di un corpo in qualche modo spiritualizzato? È l’eterno dilemma dei confini tra materia e spirito, riemerso con forza ai nostri giorni nel mondo della fisica, (si pensi alla teoria della relatività ). Quando si cerca di approfondire il discorso sulle particelle sub-atomiche, ci si accorge che ad un certo momento “la materia finisce per perdere consistenza, così da rendere incerti i confini tra spirito e realtà materiale” (J. Guitton).

ANGELI E SANTI
Dalla vita dei Santi emerge molto spesso una familiarità con gli Angeli sorprendente. Nella vita di S. Pio da Pietrelcina ci sono episodi frequentissimi dove il santo Frate consigliava ai suoi penitenti di inviargli il loro Angelo custode. Ad uno di questi che gli domandava: “Ma davvero, Padre, voi avete capito ciò che vi ho mandato a dire per mezzo del mio Angelo custode?”, l’allora Padre Pio rispose un po’ bruscamente: “E che… mi credi sordo?”?. Santa Francesca Romana (1384-1440) vedeva continuamente al suo fianco l’Angelo custode, splendente di luce, ma che perdeva luminosità quando ella cadeva in qualche mancanza, o trascurava di compiere qualche buona azione. Santa Angela Merici (1498-1540), fondatrice delle “Orsoline”, all’età di circa 20 anni ebbe una visione di Angeli e fanciulle che le mostravano quale sarebbe stata la sua vita di educatrice e moralizzatrice di costumi, e di fondatrice di una Congregazione femminile dedita alla carità . Santa Gemma Galgani (1878-1903), mistica straordinaria dotata di doni incredibili, comprese le sacre stimmate, conversava quotidianamente con l’Angelo custode che l’aiutava anche materialmente quando, o per debolezza, o per malattia o altre ragioni, non riusciva a fare quello che doveva. Si racconta che l’Angelo custode le facesse persino da… postino: le spediva e le recapitava la corrispondenza. Ai tre fanciulli di Fatima, Lucia, Francesco e Giacinta, l’anno precedente quello delle apparizioni della Madonna (1917), era apparso per tre volte un Angelo. In una di queste visioni la figura celeste si era presentata come l’Angelo del Portogallo e aveva invitato i tre giovanetti a pregare per la loro patria. Tanti altri episodi si potrebbero raccontare, come di quei Santi che nel varcare la soglia di una porta si fermavano e si ritraevano di lato per dare la precedenza all’Angelo custode… Episodi che parlano al cuore con semplicità e candore, che sanno di pane profumato. Alcuni astronauti, al ritorno dal loro “giretto” a qualche “centimetro” di distanza dal nostro pianeta, sono rientrati nell’atmosfera sentenziando che non ci sono nè Dio, nè Angeli, nè Santi: loro non li avevano incontrati. Oggi a tanta gente queste cose possono sembrare ridicole e puerili. Ma chi è abituato a captare la realtà anche con qualche altra “antenna”, sa che “se non diventerete come bambini, non entrerete nel Regno dei cieli” (Mt 18,3).

www.frateindovino.eu