Articoli

Bambini e paure, è una questione di olfatto.

I piccoli imparano cosa temere annusando la loro mamma

Sono le madri a trasmettere le paure ai loro figli. O, almeno, sembra essere questo ciò che potrebbe succedere nei primi giorni di vita, quando i piccoli potrebbero acquisire le esperienze materne ancora prima di fare le proprie. A suggerirlo sono i risultati di uno studio pubblicato su Pnas da Jacek Debiec e Regina Marie Sullivan, ricercatori della Scuola di Medicina della New York University e dell’Università del Michigan, che hanno scoperto che nei ratti le paure sviluppate dalla madre prima di una gravidanza vengono trasmesse ai loro cuccioli semplicemente attraverso l’olfatto. In particolare, attraverso un meccanismo che coinvolge l’amigdala – un’area del cervello fondamentale nello sviluppo delle paure e che durante la vita adulta consente di riconoscere i pericoli e pianificare opportune reazioni – già nei primi giorni di vita i piccoli “assorbono” le paure della loro mamma annusando l’odore che emette quando è impaurita.

Debiec e Sullivan sono arrivati a queste conclusioni al termine di una serie di esperimenti che ha previsto di far associare la paura di uno stimolo doloroso alla fragranza di menta a delle femmine di ratto prima che rimanessero incinte. Dopo le loro gravidanze è stata invece analizzata la capacità della fragranza di menta di indurre la paura nei loro cuccioli. Ne è emerso che ai piccoli basta aver annusato l’odore della loro mamma impaurita dalla fragranza per sviluppare a loro volta la paura nei confronti dell’odore di menta.

“La nostra ricerca – spiega Diebec – dimostra che i neonati possono imparare dall’espressione della paura da parte delle madri molto precocemente nella vita”. Rispetto ad altre forme di apprendimento tipiche dell’infanzia quella delle paure ha inoltre una peculiarità: dura nel tempo. Questa scoperta va però oltre la curiosità scientifica e potrebbe aiutare a risolvere quello che fino ad oggi è parso un vero e proprio enigma, cioè in che modo le esperienze traumatiche vissute da una donna possano influenzare profondamente i suoi figli anche quando risalgono a molto tempo prima della loro nascita. Non solo, i ricercatori sperano che il loro lavoro possa aiutare un giorno a capire perché non tutti i figli di donne che hanno subito dei traumi o affette da problemi come depressione e fobie sono destinati ad avere a che fare con gli stessi disturbi.

www.ilsole24ore.it – Silvia Soligon.

Il cibo e le stagioni: mangiare sano e “ogni cosa a suo tempo”!

Per la nostra salute è importante sapere cosa mangiamo e soprattutto quando è il momento di mangiare un determinato frutto o una verdura.

La natura non fa mai le cose a caso… Se frutta verdura e ortaggi variano da stagione a stagione è perché le loro proprietà nutritive sono collegate alle esigenze del nostro organismo in un determinato periodo. E’ bene mangiare cibi di stagione, che sono coltivati dove viviamo, possibilmente appena raccolti e quindi ricchi di sostanze protettive e antiossidanti e con…un gusto migliore e naturale.

stagioni

Cosa ci offre la PRIMAVERA?

In questa stagione la natura si risveglia, i colori e i sapori sono teneri e dolci. Possiamo mangiare legumi freschi, ricchi di fibre e proteine come: fave, piselli, fagioli e fagiolini. Con i legumi di stagione si possono preparare ricchi piatti con pasta e riso, cibi ricchi di proteine vegetali. In primavera si possono trovare ortaggi come gli asparagi e le carote. Le carote sono ricche di vitamine, di minerali e di fibre che fanno bene all’intestino e alla pelle. Bisognerebbe mangiare ogni giorno qualche carota cruda.

La frutta in primavera è colorata e gustosa, pensiamo alle banane, le ciliegie, le fragole, le albicocche, le nespole: tanta gustosa vitamina naturale!

L’ESTATE è la stagione del sole, del caldo… della frutta… da mangiare in grande quantità!

Troviamo pesche, prugne, mandorle, amarene, albicocche, susine, fichi, frutti di bosco, angurie, meloni…ecc. I frutti di bosco sono pieni di vitamine e Sali minerali: lamponi, more, mirtilli, uvaspina e ribes sono veramente gustosi.

Nell’orto sono maturi i peperoni, le melanzane, le zucchine e i pomodori. Il pomodoro è rinfrescante, diuretico e contiene tanta vitamina A e C, è l’ortaggio estivo per eccellenza.

Arriva l’AUTUNNO, con i primi freddi arrivano nuovi frutti: pere, mele, melograni, kiwi, uva, cachi, nocciole, noci e castagne. In questa stagione si deve mangiare tanta uva che da energia e disintossica. Per tutti, ma soprattutto per chi fa sport ci sono le castagne, ricche di amidi, calorie e vitamine B e C; andrebbero mangiate a merenda.

La zucca è buona in tutti modi: nel riso, nella pasta… al forno; ha proprietà sedative ed è ricca di vitamina A (come tutti i frutti e gli ortaggi di colore giallo/arancio).

Anche i funghi sono ortaggi autunnali; hanno poche calorie e molte proteine e sono ricchi do fibre.

Col freddo inizia la maturazione delle preziosissime arance che ci accompagnano per tutto l’INVERNO.

Insieme a tantissimi tipi di arance troviamo altri importanti agrumi: limoni, pompelmi, mandarini e clementine, tutti ricchi di vitamina C che serve al nostro sistema immunitario difendendoci da raffreddori e malanni di stagione. Gli agrumi, anche bevuti come spremuta, sono veramente salutari, hanno proprietà antibiotiche, aiutano la circolazione del sangue e il metabolismo. E’ importante consumarli freschi e crudi perché la vitamina C è delicata e si perde se esposta al calore e alla luce.

E’ importante consumare cavolfiori, broccoli, cavoli, verze, rape…ecc. Da non dimenticare le mele, che sono digestive, diuretiche, disintossicanti: “una mela al giorno toglie il medico di torno!”

LE SOSTANZE PERICOLOSE DALL’ABBIGLIAMENTO

LONDRA, 10.02.14 – La catena di negozi di abbigliamento britannica Primark si è unita ai grandi marchi della moda già impegnatisi con Greenpeace a eliminare le sostanze chimiche pericolose dalla propria filiera.

Dopo Burberry, Primark è la seconda grande azienda di abbigliamento a sottoscrivere l’impegno Detox nelle ultime due settimane. In tutto sono al momento venti le aziende impegnatesi finora. L’adesione arriva dopo la pubblicazione del rapporto di Greenpeace Asia “Piccoli mostri nell’armadio”, che ha rivelato la presenza di sostanze chimiche pericolose in vestiti e calzature per bambini in 12 grandi marchi.

“L’azienda dimostra così l’intenzione di seguire la nuova tendenza della moda di produrre capi di abbigliamento privi di sostanze chimiche pericolose. Dalle catene alle case di Alta moda come Burberry, i grandi marchi stanno aiutando a mettere la parola fine a quest’incubo tossico. Ora anche quelli che tardano a sottoscrivere l’impegno Detox, come Adidas e Disney, devono agire per eliminare questi pericolosi piccoli mostri una volta per tutte”, afferma Chiara Campione, responsabile del progetto The Fashion Duel di Greenpeace Italia.

Primark ha accettato di eliminare le sostanze chimiche pericolose in tutti i suoi prodotti entro il 2020. Primak assicurerà inoltre la trasparenza della filiera richiedendo ai propri fornitori di pubblicare i dati sugli scarichi delle sostanze chimiche pericolose.
Questo darà alle popolazioni locali che vivono nei pressi delle fabbriche – ad esempio in Cina – il diritto di sapere cosa viene rilasciato nell’ambiente.

“L’impegno di Primark è una grande notizia non solo per clienti e lavoratori, ma anche per le comunità locali colpite dall’inquinamento dell’acqua. Il marchio deve ora dimostrare di saper trasformare queste promesse in azioni concrete, in modo che i bambini di tutto il mondo possano crescere in un futuro libero da sostanze tossiche” prosegue Campione.

Chiedendo la trasparenza delle filiere, Greenpeace pretende da Primark anche soluzioni credibili per migliorare le condizioni di lavoro dei suoi dipendenti.
Con l’impegno Detox Greenpeace chiede ai grandi marchi di produrre una moda libera da sostanze chimiche pericolose e crede che la salvaguardia ambientale debba andare di pari passo con buone condizioni di lavoro.

Leggi il rapporto “Piccoli mostri nell’armadio”:
www.greenpeace.org/…/Piccoli_mostri_nellarmadio_GREENPEACE.pdf

Leggi l’impegno di Primark:
www.primark-ethicaltrading.co.uk/documents/greanpeace-commitment/primarks-detox-solution.pdf

Tante coccole Antigelo

Il freddo incalza, ”coprite” i bambini di attenzioni che li riparino: cibi sani e rimedi semplici costituiscono il segreto per rinforzare l’organismo dei nostri piccoli.

L’inverno sta arrivando, le giornate sono sempre più grigie e… gli starnuti sono in agguato. Eppure, non sempre i sintomi di un raffreddamento da parte del piccolo di casa devono essere motivo di allarme per suoi genitori. Spesso basta poco per aiutare bambini a riprendersi; i fastidi di ”stagione”, infatti, si possono curare con il buon senso e qualche rimedio naturale ”fai da te”.

Respirazione fluida

Se, per esempio, vi accorgete che il vostro bimbo ha il raffreddore e non riesce a respirare bene, aiutatelo con un rimedio ”della nonna”, come quello di preparare un buon brodo con pollo, verdure e aromi. Prima di farglielo sorseggiare lentamente, però, abbiate l’accortezza di fare in modo che il bimbo ne inali i vapori (un po’ come quando si fanno i suffumigi) con l’aiuto di una capace zuppiera: in questo modo le mucose nasali vengono decongestionate e la respirazione diviene più fluida.

Per combattere raffreddamenti vari è altrettanto consigliabile fare dei pediluvi e insegnare ai bambini a immergere i piedini, per almeno dieci minuti, in una bacinella di acqua calda (senza esagerare con la temperatura!). Passando all’alimentazio-ne, pompelmi, arance, kiwi, uova, carne rossa e bianca, succhi di frutta, cereali e tè deteinato sono veri alleati per combattere l’arrivo del freddo e far funzionare al meglio l’organismo e il sistema immunitario.

Tosse e mal di gola

E ancora, se il problema è una brutta tosse, una cura semplicissima e gustosa è quella di preparare dei fantastici biscottini all’anice (che è un ottimo espettorante). La ricetta è facilissima: basta aggiungere circa tre cucchiaini di semi di anice a un composto formato da 4 uova, lavorate con 125 g di zucchero, 125 di miele e con 300 g di farina, e versare il tutto in una teglia, quindi infornare per 30-40 minuti, far raffreddare tagliare a rettangoli.

IN CASO DI FEBBRE

Nel caso in cui il bambino avesse un pochino di febbre, è consigliabile non forzarlo a mangiare ma farlo bere molto spesso, soprattutto bibite zuccherate (non gassate) e dargli del miele al posto del solito zucchero raffinato, che potrebbe ostacolare l’assorbimento della vitamina B.

 

In questo periodo non si sottovalutino i cibi ”anti-freddo”

Per il mal di gola la propoli è un rimedio naturale dalle note doti antinfiammatorie e disinfettanti; in erboristeria e in farmacia si trovano pastiglie, tinture e spray pronti all’uso di grandissima efficacia; oppure si possono far bollire 15 g di cannella in un litro d’acqua far bere al piccolo il composto, dopo averlo filtrato, due o tre volte al giorno.

I bambini e il sole – piccolo manuale d’uso

L’estate e il periodo delle vacanze sono per i bambini un momento di gioia indescrivibile. Sguazzare, fare castelli di sabbia, giocare sul bagnasciuga o fare lunghe camminate in montagna sono solo alcune delle attività da svolgere al sole che, essendo importantissimo per la sintesi della vitamina D e quindi per combattere il rachitismo, è amico dei bambini.
Per far godere ai più piccoli solo i benefici di questo naturale e piacevole alleato della salute, però, è bene che la loro pelle delicata, morbida, molto sensibile e più soggetta alle scottature ed eritemi, sia assolutamente protetta e tutelata. La pelle giovane, infatti, capace di guarire più velocemente di quella più matura dalle irritazioni, allo stesso tempo le sviluppa molto più velocemente. I danni che una scorretta esposizione solare può causare in un bambino, quindi, si manifestano molto rapidamente: per questo mamma e papà devono stare all’erta da subito! Per di più una scottatura, oltre che a dolore e fastidio, può provocare disidratazione, febbre e svenimenti e rendere poco piacevoli giorni che dovrebbero essere spensierati e allegri. Perché allora rovinarli, quando basta un po’ di attenzione?

Il filtro solare: “amico per la pelle” del vostro bimbo.
Ormai in tantissimi negozi, supermercati e simili è facile trovare un’ampia scelta di creme solari con vari fattori di protezione, un motivo in più per dare subito ai piccoli l’appropriato scudo dai raggi del sole. Ecco qualche consiglio per scegliere quella più adatta ai bambini e qualche regola di comportamento da adottare al sole.

  1. Su ogni flacone di protettivi solari è riportato il fattore di protezione,ovvero la capacità protettiva del prodotto. Per i bambini è bene scegliere un fattore protettivo molto alto o a una schermatura totale.
  2. Non dimenticare di proteggere le orecchie, il naso e le labbra dei bambini: per queste zone è buona abitudine utilizzare i filtri in stick o in burro, con alto fattore di protezione, che hanno buona resistenza e sono di facile applicazione.
  3. Preferire un prodotto in crema o in gel e con composto non alcolico.
  4. Riapplicare il prodotto ogni due ore: il bimbo giocando o sudando perde parte della protezione.
  5. Non usare olii per bambini prima dell’esposizioni, perché il riflesso che provocano attira i raggi solari e facilita le scottature e attenzione anche alle superfici riflettenti (acqua, neve ecc).
  6. I bambini dovrebbero evitare l’esposizione al sole negli orari in cui i raggi solari sono più intensi,
    ovvero tra le 11 della mattina e le 14/16 del pomeriggio.
  7. Fare bere spesso i bambini per compensare la traspirazione.
  8. Tenere esaminata la pelle dei piccoli: controllare eventuali macchie, escrescenze,eruzioni cutanee
    e parlarne quindi con un dottore o un dermatologo.
  9. Essere i primi a dare il buon esempio: amare il sole ma non abusarne e usare le creme è il modo migliore per goderselo.
  10. Durante il primo anno di vita è bene tenere i piccoli il più possibile al riparo dal sole: in questo periodo una scottatura può diventare un problema piuttosto serio. È quindi molto corretto coprire il bambino (soprattutto se con carnagione molto chiara,capelli chiari o rossi e occhi chiari) con cappellini, magliette e pantaloncini ed usare la carrozzina con tettoia per i neonati o un passeggino con tettoia o ombrellino per i più grandicelli.

Spasmi affettivi, capricci

Spasmi affettivi, capricci [tratto da www.ferrandoalberto.blogspot.it – Dott. Alberto Ferrando]

Un fenomeno abbastanza frequente nei bambini sono gli gli spasmi affettivi (episodi di apnea inspiratoria nei bambini, con possibile perdita di conoscenza dopo essere diventati, nella forma più frequente cianotici). Quando il bambino trattiene il respiro cercate di intervenire prontamente soffiandogli in faccia o ,se avete la possibilità, spruzzandogli un pò di acqua sul volto. Anche se perde coscienza comunque non ci sono conseguenze e la ripresa è rapida per il bambino (un pò meno, psicologicamente, per i genitori e i nonni in quanto ci si trova una bella “paura”).
Gli “spasmi affettivi” compaiono dopo frustrazioni, sgridate o se il bambino è contrariato o in caso di dolore in circa il 5 % dei bambini. Soprattutto nell’età da 6 mesi ai 2 anni e terminano in alcuni addirittura a 6 anni .
Gli spasmi affettivi più frequenti sono quelli in cui il bambino trattiene il respiro e diventa cianotico (più rari alcuni detti “pallidi” che compaiono più frequentemente in caso di stimoli dolorosi). Se contrariati alcuni bambini possono arrivare agli spasmi affettivi, altri arrivano a vomitare o battono la testa ripetutamente al muro o a terra. Molto spesso in queste occasioni viene naturale all’adulto assecondarli e dargliele ed è lì che loro approfittano della situazione e imparano che quella è la strada per ottenere ciò che vogliono, è un precedente. Nei bambini che arrivano ad avere gli spasmi affettivi cianotici bisogna, nel tempo, cercare di non concedere tutto per paura della crisi e se compare, come detto sopra, soffiare in faccia al piccolo o bagnarlo con dell’acqua, mantenendo la calma, perché se il bimbo perde conoscenza, si riprende subito.
In alcuni casi un fattore favorente è la carenza di ferro. Ovviamente quanto scritto deve essere valutato dal proprio pediatra curante sia per la conferma della diagnosi che per una eventuale terapia e soprattutto per consigli su educazione e comportamento.

Tv e videogiochi: istruzioni per l’uso

Tv e videogiochi: istruzioni per l’uso

Gli adolescenti che abusano di monitor e joystick, con il passare del tempo corrono dei rischi sia a livello fisico che psicologico. E’ quindi necessario conoscere i pericoli di tali consuetudini ed educarli a fare buon uso di certi passatempi.

Ore ed ore passate davanti alla televisione a guardare cartoni animati e telefilm. Per non parlare, poi, dell’utilizzo smodato dei videogiochi. Insomma, la maggior parte dei nostri ragazzi passa il suo tempo in un modo decisamente poco istruttivo. Ma c’e’ di piu’. Queste pessime abitudini possono addirittura rappresentare un pericolo per la salute. Il primo, anche se non molto diffuso, e’ rappresentato dagli attacchi epilettici, dovuti soprattutto alle stimolazioni luminose. Tale fenomeno non deve pero’ creare angosce perche’ interessa, per fortuna, solo i soggetti definiti fotosensibili, che dovrebbero evitare sia i videogiochi, che la permanenza prolungata davanti allo schermo della televisione. Il fatto che un ragazzo non sia a rischio di crisi epilettiche non lo mette, pero’, al riparo dalle insidie di play station e simili, che spesso si manifestano solo dopo molto tempo. Infatti, i bambini che passano ore davanti al televisore o al monitor di un videogioco possono accusare problemi alla schiena e alle scapole (irrigidimenti e dislocazioni) provocati dalla postura scorretta. Spesso, poi, le loro occhiaie sono livide e soffrono di disturbi del sonno, con stati di irrequietezza e irritabilita’. Possono manifestarsi, inoltre, problemi di concentrazione, e tendenza al sovrappeso per mancanza di attivita’ fisica. E, se da un lato, i giochi elettronici aumentano la velocita’ dei loro riflessi e certe storie che seguono in tv possono stimolare la loro fantasia, e’altrettanto vero che la maggior parte dei bambini viene negativamente influenzata dalle vicende proposte, non sempre ”pacifiste”. Essi finiscono, cosi’, col vivere in un mondo irreale, nel quale i messaggi violenti sono la norma, dove i piu’ forti vincono sempre, e senza troppa fatica, e il mancato rispetto delle regole corrisponde alla normalita’. E’ bene quindi tenere d’occhio i comportamenti e le reazioni soprattutto dei piu’ piccini, che hanno scarsa capacita’ critica, e ricordare che un monitor non e’ mai una buona balia: puo’ al massimo essere un diversivo, una pausa, uno dei tanti modi per svagarsi ma, quel che conta, e’ che non sia l’unico.

A TUTTO C’E’ UN LIMITE

E’ determinante porre un limite all’utilizzo della televisione e dei videogiochi da parte dei bambini: due ore al giorno sono gia’ più che sufficienti! Cercate anche di indirizzarli verso attivita’ che possano coinvolgerli: avvicinarli a uno sport, a un hobby, offrirsi di accompagnarli da un amichetto o a fare una passeggiata e’ la miglior medicina per vincere la pigrizia (anche quella dei genitori) e farli uscire dalla loro camera. Socializzare, muoversi e stare all’aria aperta o in luoghi di aggregazione e’ uno stimolo importante ad una crescita equilibrata e serena.

I piccoli tele e video-dipendenti hanno molto spesso problemi di socializzazione.