Mamma ho paura del buio

Mamma ho paura del buio

La paura fa parte della vita.
Anche di quella dei nostri bambini. Si tratta solo di saperla affrontare.

Quando si parla di bambini, nella maggioranza dei casi le paure, oltre a far parte di uno sviluppo fisico e psicologico naturale, sono spesso frutto di fantasie che non devono, però, essere alimentate: si possono, infatti, risolvere semplicemente ascoltando i piccoli ”fifoni”, parlandone insieme e cercando di comprendere l’origine di certi sentimenti. E’ indubbio, del resto, che i nostri bimbi vengono continuamente bombardati da messaggi troppo spesso violenti. Anche la vita reale raccontata dai genitori e dagli amici, ma anche semplicemente dai telegiornali non è così rosea: disastri atmosferici, violenze, sfruttamenti di ogni sorta, malattie e povertà sono all’ordine del giorno. E’ normale che i bambini crescano, allora, con una sorta di preoccupazione continua e di insicurezza costante.
Non dobbiamo poi dimenticare che gli esseri umani, per loro natura, sono soggetti a paure ancestrali quali quella del buio, della morte, dell’essere distaccati dalla famiglia d’origine, della guerra.

La paura, se non limita la quotidianita’, e’ anche uno strumento per comprendere che esistono pericoli reali dai quali e’ opportuno prendere le doverose distanze.

Superare i piccoli terrori

Di sicuro farli sentire inadeguati o ”sbagliati” non e’ una soluzione.
Di pari passo, proteggerli sempre dalle loro paure non li aiuta comunque.
Tenerli, ad esempio, nel lettone quando la notte si svegliano li portera’ a pensare che stare da soli, nello loro cameretta, e’ davvero pericoloso e che e’ bene rifugiarsi tra le braccia di mamma e papà in ogni momento. Accendere la luce quando non vogliono affrontare l’oscurità li aiutera’ a rinforzare l’idea che il buio celi chissa’ quali mostri sconosciuti.
Usiamo, invece, racconti e favole semplici. In cui i protagonisti possono essere proprio dei bambini normali, dotati di limiti assolutamente umani, non muniti di super poteri per sconfiggere angosce reali o presunte che siano. Come Hansel e Gretel che sbaragliano con l’astuzia la strega, Biancaneve che ha la meglio sulla matrigna cattiva, il piccolo pesciolino Nemo che, dopo mille vicissitudini, ritrova il suo papa’ mostrando un coraggio da leone. In questo modo i piu’ piccoli capiranno che lo sgomento e’ normale, che le stesse paure sono superabili e la forza d’animo aiuta a vincerle.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento