Mi annoio in un silenzio che mi soffoca eppure c’è confusione intorno.
E’ giorno di mercato, cammino sola tra odori e colori.
Sono sola con il mio perdono.

Vorrei poterti dire: ti perdono amore di non amarmi,
di violentare il mio cuore,
di strappare i miei capelli,
di non capire le mie lacrime.

Vorrei poterti dire: ora tocca a te.
Ma non c’è più il tempo.
Non ho più voglia di farmi capire.
Il tuo amore non mi interessa,
il mio cuore è d’acciaio,
i miei capelli sono più lunghi che mai e non riesco più a piangere.

Allora, sola, sorrido
e cerco tra la gente un sorriso per me.