Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

L’Orso bruno marsicano ha fatto capolino dal bosco per tenere compagnia ad un allevatore intento a lavorare con i suoi cavalli da tiro.

L’Orso gioca a… nascondino!

Il Direttore del Parco raccomanda di segnalare all’Ente Parco ogni avvistamento nei tempi più brevi possibili.

Stamane, sulla S.R. 83, un Orso bruno marsicano ha fatto capolino dal bosco per tenere compagnia a F.N. di Pescasseroli, intento a lavorare con i suoi cavalli da tiro.

F.N. ha tempestivamente segnalato la presenza del bestione all’Ente Parco – sta lì, mi guarda e non va via – ha raccontato ai collaboratori del Servizio scientifico che, intervenuti sul posto, hanno potuto solo constatare che l’Orso aveva già ripreso la via di “casa“… ma, giusto il tempo di rientrare in sede a Pescasseroli, e l’allevatore segnalava nuovamente la presenza dell’orso che gli teneva compagnia.

Il simpatico episodio non è l’unico avvistamento di quest’anno, infatti, gli operatori del Servizio Scientifico e del Servizio Sorveglianza dell’Ente Parco, impegnati sul territorio nelle attività legate alla ricerca scientifica in corso con i ricercatori dell’Università “La Sapienza” di Roma, hanno segnalato la presenza di due femmine, entrambe con cuccioli dell’anno scorso al seguito.

Orso Bruno Marsicano

L’avvistamento di tre cuccioli sopravvissuti all’inverno – dichiara il Direttore dell’Ente Parco Aldo Di Benedetto – è un dato molto importante in questa fase intensa della ricerca. L’attenzione degli operatori impegnati sul territorio è altissima, – continua il Direttore – soprattutto verso i piccoli che sono più esposti ai pericoli.”
A tal proposito, il Direttore raccomanda – “di segnalare all’Ente Parco ogni avvistamento nei tempi più brevi possibili. In special modo quando avvengono in zona di protezione esterna dove i vincoli di tutela sono meno rigidi.”

orso_bruno_marsicano