Il cavallo Persano
Oltre al Salernitano vero e proprio, nella piana tra il Sele e il Calore (Salerno – Campania) era allevata la rinomata ”razza governativa di Persano”.Fondata nel 1762 da Carlo III di Borbone e formata da fattrici prevalentemente orientali e stalloni arabi andalusi. Nel 1874 il governo soppresse la razza e tutti i soggetti furono venduti alla asta pubblica. Nel 1900 venne ricostituita con fattrici di conformazione omogenea e di provata attitudine al servizio da sella, scelte tra i diversi reggimenti di cavalleria, e con due stalloni, Jubilée (purosangue inglese da Melton) e Giacobello (mezzosangue arabo da stallone Siriano). In seguito alla soppressione del Centro di rifornimento quadrupedi i Persano (1954) la razza si è ridotta a una cinquantina di fattrici, trasferite al Posto raccolta quadrupedi di Grosseto, dipendente dal Ministero della difesa.Attitudine: sella, completo, dressage e alta scuola. Nevrili ed eleganti i Persano sono impiegati oltre che per gli sport equestri anche per l’ippoturismo.
Temperamento: docile e coraggioso.
 Il Portale dei bambini
Caratteri morfologici
Mantelli: baio, sauro bruciato, grigio sorcino e morello.
Altezza al garrese: 150 – 160 cm.
Testa: ben proporzionata, fronte larga, occhi grandi e vivaci, profilo diritto con leggera concavità seguita da convessità sull’asse nasale, mascella rotonda, orecchie corte distanziate.
Collo: muscoloso, lungo a tronco di cono, leggermente arcato, attaccato in profondità ed in alto, criniera folta e lunga.
Spalla: ben inclinata e lunga; garrese: pronunciato.
Linea dorso-lombare: dritta, di media lunghezza.
Groppa: corta, muscolosa, inclinata, sempre più bassa del garrese, coda folta e molto lunghezza attaccata medio-alta.
Petto: ampio e torace: profondo.
Arti: robusti, ma fini, tendini resistenti.
Articolazioni: larghe e ben proporzionate.
Andature: elastiche ed armoniche; appiombi: perfetti.
a cura di www.miniclubcavalloitalia.it