Il Disturbo Borderline

Premettiamo che il nostro articolo è puramente informativo, per diagnosticare qualunque disturbo è necessario rivolgersi ad un medico specializzato. Vogliamo solo capirci meglio, insieme a voi…[tratto da www.psicoadvisor.com]

 

Parleremo di un disturbo che coinvolge variazioni dell’umore: il disturbo borderline che è classificato come disturbo strutturale di personalità.

Il disturbo borderline di personalità si manifesta in adolescenza, presenta modelli comportamentali coerenti nel tempo. Può essere descritto con quattro caratteristiche psicopatologiche:

  • disturbi affettivi (instabilità)
  • impulsività
  • problemi cognitivi
  • relazioni instabili

Le persone che soffrono di questo disturbo sono quindi facilmente irritabili, tristi, ansiosi e spesso si sentono “vuoti”. Anche l’impulsività è un sintomo cronico di questo disturbo ed è diffcilissimo mantenere il controllo dei comportamenti e delle reazioni. Possono esserci episodi di paranoia, allucinazioni uditive ed episodi di depersonalizzazione. I sintomi psicotici sono generalmente di breve durata e il soggetto è cosciente che “sta accadendo qualcosa di strano” senza sprofondare in pensieri deliranti. I soggetti con personalità borderline sono manipolativi e sanno essere incredibilmente convincenti.

Le persone con disturbo borderline sono vittime di paure e insicurezze in grado di innescare comportamenti distruttivi per il prossimo o auto-distruttivi, non sempre riescono a capire la natura del loro comportamento ne’ come questo influisce sulla loro vita.

Anche se le loro azioni possono sembrare terribili, sono le loro paure e l’incapacità di avere prospettive razionali a indurre comportamenti eccessivi, estremi, inappropriati e distruttivi. La loro paura spesso può trasformarsi in rabbia perché non hanno molti canali introspettivi e cadono in esplosioni emotive di vario genere; attuano un gran numero di comportamenti sabotanti che solo raramente sono consapevoli. Insomma, il borderline tende a distruggere se stesso e rendere difficile la vita alle persone care… ma lo fa in modo inconsapevole, perché non conosce e non vede altre vie.

La scarsa capacità introspettiva non gli consente di riconoscere le emozioni che provano ne’ tantomeno di esprimerle in modo coerente. Spesso descrivono un vuoto emotivo che tentano di colmare con gesti estremi di varia natura.

Sono instabili nella loro immagine di sé, nei loro stati d’animo, nel comportamento e nelle relazioni interpersonali.

Sono molto arrabbiati, molto impulsivi e molto confusi sulla loro identità. Si sentono vuoti e tendono a stringere rapporti interpersonali drammatici e intensi.

Quando una persona con disturbo borderline si sente abbandonata, può diventare disperatamente impulsiva; il vuoto interiore riferito può spingere in promiscuità spericolate, guida spericolata, abuso di sostanze o addirittura a gesti auto-lesivi.

Sono molto facili alla noia e questo aumenta il senso di frustrazione, il senso di vuoto e gli atteggiamenti estremi.

****

Come si vive con un soggetto boderline…

Avere una relazione con una persona con personalità borderline vuol dire vivere una relazione d’amore-odio, ossessiva, complicata ed instabile da cui purtroppo diventa davvero difficile uscire. Breve o lunga che possa essere la durata, la relazione con un borderline comporta un impatto destabilizzante nella psiche di chi la vive e lascia delle ferite emotive molto difficili da rimarginare.

I border possiedono delle qualità che li rendono molto attrattivi: non di rado sono persone notevolmente brillanti ed intelligenti, sono vitali, energici, sensibilissimi e molto intuitivi.

L’infanzia delle persone che svilupperanno da adulti il disturbo border di personalità è stata un infanzia traumatica segnata da esperienze di grave trascuratezza, di maltrattamento psicologico e non di rado di maltrattamento fisico o abuso sessuale.