Baby Shower per festeggiare l’arrivo del bebè: ora anche in Italia

Cos’è il baby shower? Tradotto in italiano, il termine baby shower sta per “doccia del bimbo”. Non si parla di una doccia vera e propria, bensì ci si riferisce metaforicamente alla doccia di regali che pioverà sul bimbo che deve ancora nascere. Organizzare il baby shower è diventato un evento importantissimo quasi come frequentare un corso preparto o post parto o scegliere tutto l’occorrente per completare il corredino del piccolo. Il baby shower è molto popolare nella tradizione americana, ma si sta diffondendo sempre di più anche nei paesi europei e ora è arrivato anche in Italia. Nello specifico è una festa che si organizza per l’arrivo del piccolo. Normalmente i festeggiamenti si svolgono qualche settimana prima della nascita del bimbo. La diffusione di questa festa americana deriva dalla TV, proprio com’è successo con la festa di Halloween. Grazie alle serie televisive e ai film provenienti dagli Stati Uniti, il baby shower ha trovato terreno fertile anche altrove ed è stato conosciuto in quasi tutto il mondo. La festa ha l’obiettivo duplice di festeggiare la gestante e l’arrivo del bebè, e di accumulare tutti i regali che possono servire dopo il parto. Per l’organizzazione sono incaricate le amiche o le parenti della futura mamma e la partecipazione alla festa è esclusivamente femminile. Si scrive una lista di tutto quello che può essere necessario alla mamma e al piccolo, in modo che dopo la nascita ci sia tutto l’occorrente e non vi siano regali doppi. In pratica, si fa come per un matrimonio, con la lista dei regali, fatta apposta per evitare doppioni o regali inutili. Durante il baby shower si allestisce anche un rinfresco e si organizzano vari giochi a tema per movimentare l’evento. Tra i giochi più gettonati vi sono: indovinare la misura del pancione o la data di nascita del piccolo. Le amiche che hanno organizzato l’evento possono anche preoccuparsi dei decori, degli inviti personalizzati per partecipare alla festa, oppure possono confezionare dei piccoli souvenir da distribuire a tutte le partecipanti. Data l’ampia diffusione del fenomeno, sta aumentando, di pari passo, anche il numero delle organizzatrici di baby shower. Si tratta di donne esperte nel curare eventi dedicati alle nascite, che si prefiggono l’obiettivo di organizzarli preoccupandosi anche dei più piccoli dettagli. Tutto ciò è fatto per rendere questo giorno indimenticabile per la futura mamma, e per farle sentire tutto il calore delle amiche, delle parenti, e delle altre persone che le vogliono bene.
In attesa del giorno del baby shower, la futura mamma può decidere di frequentare anche qualche corso preparto o postparto, che la sostenga durante il periodo della gravidanza e dopo il parto. I corsi preparto e postparto sono tanti e differenti, ma tutti hanno l’obiettivo di mantenere uno stato di benessere nella donna, nel nascituro e nella coppia. Molti corsi preparto sono volti al mantenimento della forma fisica oltre che alla preparazione alla nascita del bimbo.

(A cura di: Ufficio Stampa Ok Corso Preparto) Per maggiori informazioni: www.corso-preparto.it

HALLOWEEN, una festa per tutti i bambini!

Cerchiamo di capire insieme lo spirito di Halloween, la festa più contagiosa, stimolante, coinvolgente e diffusa in tutto il mondo.

Come per tante altre ricorrenze, le sue origini sono molto lontane nel tempo: si legano a riti contadini, alle feste legate al raccolto, alla voglia di esorcizzare la paura della morte, la paura dell’ignoto…

La celebrazione di Halloween ha probabilmente origini Celtiche.
Gli antichi Celti (abitavano in Gran Bretagna, Irlanda e Francia) erano un popolo dedito all’agricoltura e alla pastorizia e festeggiavano l’inizio del Nuovo Anno il 1°Novembre, che era il giorno in cui si celebrava la fine della “stagione calda” e l’inizio della “stagione delle tenebre e del freddo”. La ricorrenza segnava la fine dei raccolti, il momento in cui le greggi venivano riportate negli ovili e ci si preparava a trascorrere il lungo inverno al cado delle proprie case.

La notte fra il 31 ottobre e il primo novembre era quindi una notte di “passaggio”: la notte di Samhain (fine dell’estate) che viene rivissuta in tantissime leggende. Questa era una notte magica: la notte in cui il Signore della Morte richiamava a sé gli spiriti dei morti, permettendo che questi si potessero unire al mondo dei vivi. Dal Tir Nan Oge (la terra dove risiedevano i morti, un posto felice dove i morti incontravano le Fate) i morti tornavano nella notte buia, sovvertendo tutte le leggi spazio-temporali.
Nella tradizione celtica le Fate erano spesso considerate ostili e pericolose per gli uomini e nella notte di Samhain, le leggende narrano che fossero solite fare degli scherzetti agli umani: li portavano a perdersi nelle “colline delle Fate” dove rimanevano intrappolati per sempre. I Celti, per farsi ben volere dalle Fate offrivano loro del cibo o del latte che veniva lasciato sui gradini delle loro case: da qui probabilmente l’usanza del detto “dolcetto o scherzetto”.
Ma “TRICK OR TREAT “(dolcetto o scherzetto) può risalire a quando i primi cristiani che erano in cammino da un villaggio all’altro, elemosinavano per un pezzo di pane, detto “dolce dell’anima”. In cambio di pane il cristiano prometteva preghiere per i defunti di quella casa: più preghiere ricevevano i defunti e prima avrebbero raggiunto
Il Paradiso.

Da queste leggende ha origine il famoso gioco del ” TRICK o TREAT” (Scherzetto o dolcetto). I bambini travestiti con maschere e costumi il più possibile mostruosi e terrificanti vanno di casa in casa, chiedendo dolcetti o qualche moneta; non ricevendo niente, possono fare un brutto scherzo ai proprietari di quella casa.

Ognissanti quindi… All Hallows?

Nell’alto medioevo, in Irlanda e Bretagna il cristianesimo si diffuse nelle terre celtiche diventando la religione maggiormente praticata dell’Impero Romano. In quel tempo venne istituito un giorno di festa della chiesa: Ognissanti (o Tutti i Santi: all hallows) da celebrare il primo novembre di ogni anno.
La festa di Ognissanti si sovrappone quindi a quella di Sahmain. Di seguito fu istituito il “giorno dei Morti il 2 novembre.
Poi in Europa la festività di Ognissanti fu considerata una festa dell’abbondanza, segnava la fine dell’anno del contadino, i raccolti erano nei granai e le dispense erano piene. In particolare in Gran Bretagna la festa divenne a allegra e gioiosa, ricca di cibo e spettacoli, travestimenti e canti. Veniva fatta elemosina ai poveri e venivano condivisi i frutti della terra.

Halloween arriva in America con gli immigrati scozzesi e irlandesi che condivisero con i loro ospiti le tradizioni e le feste; così fecero i tedeschi, i nativi, gli africani… ognuno aggiungeva un pezzetto della sua cultura, della sua superstizione e tradizione… così da far diventare Halloween una vera e propria festa multietnica e popolare. Insomma una festa liberatoria, trascinante, coinvolgente e dove le regole, per un giorno, vengono trasgredite!

Intorno al 1950 la festa diventa un business: costumi, dolci, decorazioni… coinvolgono grandi industrie e catene di distribuzione: Halloween diventa uno dei fenomeni culturali e commerciali più celebrati al mondo dopo il Natale.

Il simbolo di Halloween è la zucca intagliata… ma da dove arriva?

Sicuramente fa parte del folklore irlandese e dalla leggenda di Jack O’Lantern.

La leggenda narra che ad un certo Jack, un fannullone ubriacone, la sera di Halloween apparve il Demonio intenzionato ad impossessarsi della sua anima di peccatore. Jack non chiese pietà al diavolo ma… gli chiese di bere un ultimo bicchierino. Bevuto il bicchierino e non avendo da pagare, pregò il Demonio di trasformarsi in una moneta da 6 pence; avvenuta la mutazione Jack mise la moneta nel suo portafoglio che aveva una croce ricamata. Il diavolo fu irrimediabilmente imprigionato e dovette accettare di riavere la libertà in cambio di posticipare di un anno la dipartita di Jack.

Alla vigilia di Ognissanti dell’anno seguente, il Diavolo si ripresentò per avere l’anima dell’uomo. Il furbo Jack, questa volta gli fece accettare una scommessa: salito su di un albero, non sarebbe più riuscito a scendere. Il Diavolo salì su un albero e Jack immediatamente incise sulla corteccia una croce, che impedì al Diavolo di muoversi.

Avendo vinto ancora una volta, Jack propose al Diavolo un patto: egli avrebbe cancellato la croce, se lui si fosse impegnato a non cercarlo più.


Dopo un anno Jack morì e quando si presentò alle porte del Paradiso gli venne risposto che non sarebbe potuto entrare perché aveva condotto una vita dissoluta e piena di peccati. Anche il Diavolo gli negò il permesso di entrare all’inferno, perché era ancora adirato per come era stato imbrogliato da lui.
Il Diavolo però donò a Jack un tizzone ardente per illuminare la strada nel limbo oscuro. Jack, per far durare più a lungo quella luce, ripose il tizzone in una zucca svuotata, ricavandone una lanterna.
Da quel giorno, nelle notti della vigilia di Ognissanti è possibile scorgere la fiammella di Jack, che vaga alla ricerca della sua strada. Jack da quel momento fu soprannominato Jack O’Lantern ed ebbe inizio la tradizione della zucca di Halloween.

I Love Frankenstein – Teatro Binario 7

SUL PALCO DEL TEATRO BINARIO 7 ARRIVA FRANKENSTEIN

Tra teatro d’attore, clownerie e musica, gli Eccentrici Dadarò portano in scena una storia senza tempo

ìMonza, 5 novembre 2015. La stagione Teatro+Tempo Famiglie prosegue con un nuovo appuntamento domenica 15 novembre alle ore 16.00. In scena gli Eccentrici Dadarò che ritornano sul palco del Teatro Binario 7 di Monza con lo spettacolo I love Frankenstein indicato per i bambini dai 6 anni in su.

Un testo ancora oggi modernissimo che, nelle mani di Fabrizio Visconti, Rossella Rapisarda e Davide Visconti, è diventato uno spettacolo teatrale capace di divertire e far riflettere grandi e piccini.Frankenstein_ok_4

Lo spettacolo è una riscrittura per ragazzi del celebre romanzo di Mary Shelley che ha per protagonisti lo scienziato Frankenstein e la sua creatura che, sotto un aspetto spaventoso, nasconde emozioni profonde. Solamente un grande atto d’amore potrà porre fine alla maledizione e alle sofferenze che affliggono i protagonisti dando vita ad una famiglia in cui tutti possono finalmente vivere serenamente.

Il bisogno d’amore, la diversità, la contrapposizione tra essere – apparire e il binomio “brutto e cattivo” sono i protagonisti di questa bellissima storia d’amore che racconta, tra clownerie e colpi di scena, la necessaria riconciliazione tra un padre e un figlio.

Si tratta di un amore necessario, negato, desiderato fino alla follia da parte della “Creatura” per il suo “creatore” il quale, innamorato del sapere e del mistero, si spinge al di là di ogni logica per scoprire l’inesplorato.

Una storia senza tempo in cui si alternano momenti di suspense, scene commoventi e passaggi comici in cui linguaggi diversi (il teatro d’attore, la clownerie e la musica) si intrecciano sapientemente.

Eccentrici Dadarò

Gli Eccentrici Dadarò nascono nel 1997 da un desiderio di in-stabilità. Stabilità nel tentativo di dare concretezza e continuità a un progetto; in-stabilità nella scelta di mantenere un’assoluta libertà di sperimentazione espressiva. Proprio questo elemento di eterogeneità ha permesso la realizzazione di progetti artistici destinati a tipologie di pubblico differenti e proposti con linguaggi distinti.

La prima ricerca è intorno alla clownerie, l’acrobatica, la Commedia dell’Arte, le arti circensi. L’incontro tra questa esperienza ed il teatro d’attore è il detonatore di quello che sarà il linguaggio della Compagnia in tutte le produzioni successive: una ricerca di equilibrio tra il linguaggio del corpo e quello drammaturgico, cercando di portare fisicità nella parola ed allo stesso tempo accostare allo sviluppo testuale l’apertura di pause esclusivamente fisiche.

I diversi premi Nazionali e Internazionali vinti nel corso degli anni e i più di 200 spettacoli realizzati annualmente in tutta Italia e Europa hanno fatto della Compagnia una delle realtà più solide del panorama teatrale italiano di questi anni, tanto da garantire alla stessa il sostegno ufficiale della Fondazione Cariplo.

 

TEATRO BINARIO 7

I LOVE FRANKENSTEIN

Domenica 15 novembre 2015, ore 16.00

Al termine dello spettacolo verrà offerta la merenda dalla Bottega del commercio equo e solidale

Il Villaggio Globale di Monza

di Fabrizio Visconti, Rossella Rapisarda, Davide Visconti

regia Fabrizio Visconti

con Rossella Rapisarda, Davide Visconti

colonna sonora e musica dal vivo Marco Pagani
voce narrante Saverio Marconi

scene Francesco Givone
costumi Mirella Salvischiani, Alessandro Aresu

produzione Eccentrici Dadarò
coproduzione Arterie C.I.R.T.

con il contributo di Regione Lombardia Progetto NEXT 2013

Età consigliata: dai 6 anni in su

Biglietti: adulti € 8 | under 14 € 4

Data concerto: domenica 15 novembre, ore 16.00

Per info e prenotazioni:

Teatro Binario 7

Via Filippo Turati, 8 | Monza

tel. 039 2027002

biglietteria@teatrobinario7.it
www.teatrobinario7.it

 

 

 

Divertiamoci a imparare!

Il FAI, Fondo Ambiente Italiano da sempre impegnato nell’educazione delle giovani generazioni nei confronti di Arte e Natura, organizza nei propri Beni attività per i bambini della scuola dell’infanzia, coinvolgendoli con favole ambientate nel bene, visite in costume, giochi, musiche, laboratori creativi. I bambini, accompagnati dall’animatore che fa leva sulle emozioni e l’immaginazione, scoprono i luoghi con un approccio sensorialee ludico che alterna osservazioni e suggestioni in un vissuto dove si
allenano gli occhi a vedere, le mani a toccare, l’immaginazione a volare…

Nei Beni FAI è anche possibile organizzare una festa di fine anno cui prendono parte bambini, insegnanti e genitori, per ripercorrere insieme le tappe dell’anno scolastico, fare progetti per le vacanze e dirsi un grande arrivederci.

Antiche dimore, castelli, ville, abbazie, giardini, parchi, accolgono i bambini della scuola dell’infanzia con proposte di visite didattiche animate che fanno leva sulle emozioni e l’immaginazione, coinvolgendo attivamente i piccoli con favole ambientate nel bene visitato, giochi in costume, attività di gruppo, manipolazioni, prove di abilità e destrezza, laboratori creativi, musiche e danze.

Qui di seguito l’elenco delle visite animate :

REGIONE

LOCALITA’

BENE FAI

PERCORSO

Lazio Tivoli (RM) Villa Gregoriana
Liguria Lavagna (GE) Casa Carbone
Lombardia Casalzuigno (VA) Villa Della Porta Bozzolo
Lombardia Gornate Olona (VA) Monastero di Torba
Lombardia Varese Villa Panza
Piemonte Manta (CN) Castello della Manta
Piemonte Caravino (TO) Castello di Masino
Sicilia Valle dei Templi (AG) Giardino della Kolymbetra (AG)
Trentino Alto Adige Sabbionara di Avio (TN) Castello di Avio
Umbria Assisi (PG) Bosco di San Francesco
Veneto Luvigliano (PD) Villa dei Vescovi

www.fondoambiente.it

“La spada nella roccia”- domenica 28 dicembre 2014

E’ il mondo incantato dei castelli a fare spesso da cornice suggestiva ai racconti, esiste allora un modo migliore di intrattenere i bambini con uno spettacolo se non dentro un vero e proprio castello?

Lo sanno bene i componenti del teatro Helios, che organizzano in modo molto professionale spettacoli e attività per far divertire grandi e piccini e per questa rappresentazione hanno scelto il Castello di Bracciano.

“La spada nella roccia”, questo è il titolo dello spettacolo che guiderà i piccoli alla scoperta del Castello domenica 28 dicembre 2014 alle ore 16,00.Si tratta di uno spettacolo teatrale con attori, musiche e pupazzi com’è nello stile del teatro Helios, che riesce a trasportarci in un mondo magico fatto di sensazioni, di suoni, di fantasia e di parole.

Storia, leggenda, misteri e creatività si mischiano insieme e ci appare cosi un mondo dove anche vecchie favole ci restituiscono valori intramontabili lasciandoci affascinati e facendoci riflettere.

Sorridere e pensare, è questo quello che dovrebbero fare grandi e bambini per accrescere la loro creatività e vivere meglio dando il giusto peso e il giusto valore a tutto ciò che può capitarci sul “palcoscenico” della vita a tutti noi “personaggi” della vita reale.

Prenotazione obbligatoria , posti limitati 0699804348

DOMENICA 28 settembre e 5 ottobre – BIOCACCIA AL TESORO

DOMENICA 28 settembre e 5 ottobre – BIOCACCIA AL TESORO

Il Bioparco organizza una BIOcaccia al tesoro: un divertente gioco di squadra per grandi e piccini, per scoprire caratteristiche e curiosità degli animali del Bioparco.

I componenti delle squadre, in compagnia dei clown del Bioparco, si cimenteranno in quiz, indovinelli, prove di abilità per trovare indizi, raggiungere il traguardo e guadagnare il tesoro finale.

La BIOcaccia al tesoro è adatta dai 6 ai 99 anni, ma anche i più piccoli saranno benvenuti!

L’attività, compresa nel costo del biglietto, è su prenotazione, da effettuarsi il giorno stesso dell’iniziativa.

BIOPARCO DI ROMA

INFO: 06.3608211 e www.bioparco.it

ORARIO di domenica 28.09: 9.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle ore 18.00)

ORARIO di domenica 5.10: 9.30 – 18.00 (ingresso consentito fino alle ore 17.00)

Seguici su Facebook: www.facebook.com/amicidelBioparco

TARIFFE ingresso gratuito per bambini al di sotto di un metro

bambini di altezza superiore ad 1 metro e fino a 12 anni: € 12.00

biglietto adulti: € 15.00

EVITA LA CODA! I biglietti si possono acquistare anche on line su bioparco.it e nei Punti Lis (tabaccherie, ricevitorie autorizzate)

(Foto: Massimiliano Di Giovanni – Archivio Bioparco)

“VIVI IL DIETRO LE QUINTE” DI TEATRO+TEMPO FAMIGLIE NELLE BIBLIOTECHE DI MONZA

La seconda edizione della stagione per famiglie e iniziative per i più piccoli
grazie alla collaborazione con il Sistema Bibliotecario Urbano

Monza, 20 settembre 2014. La Danza Immobile presenta per il secondo anno la rassegna domenicale “Teatro+Tempo Famiglie”, un vero e proprio viaggio nel mondo dell’alimentazione, alla scoperta dei segreti del cibo tra risate, clownerie e bolle di sapone. Tra le novità un weekend in cui i più piccoli, guidati da istallazioni interattive, impareranno le regole dell’orto e un appuntamento per Natale, attraverso la magia del gioco e del teatro.
La stagione avrà inizio domenica 5 ottobre con lo spettacolo L’omino del pane e l’omino della mela, ad ingresso gratuito, inserito all’interno di MonzaEcoFest, per proseguire con uno spettacolo al mese, fino a febbraio 2015, sempre in programma la domenica alle ore 16.00. Grande novità è il laboratorio Sei ortaggi in cerca di un fattore (sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio), a cura dell’Associazione culturale Vango anch’io: attraverso la terra, i semi e le piantine, i bambini entreranno in contatto con il ciclo delle stagioni. Grazie a pennelli, colori e tecniche artistiche si avvicineranno al mondo dell’arte e impareranno a riciclare creativamente oggetti di uso quotidiano trasformando i rifiuti in risorse.

VIVI IL DIETRO LE QUINTE DI TEATRO+TEMPO FAMIGLIE
Grazie alla collaborazione tra La Danza Immobile e il Sistema Bibliotecario Urbano di Monza (SBU), prosegue l’iniziativa VIVI IL DIETRO LE QUINTE della stagione Teatro+Tempo Famiglie, cinque incontri nelle biblioteche di Monza per famiglie con bambini dai 3 agli 8 anni. Attraverso letture e giochi si spiega ai bambini lo stretto legame che esiste tra la storia narrata e lo spettacolo teatrale, ovvero come entrambi facciano parte dello stesso processo creativo. Al tempo stesso l’obiettivo è quello di sensibilizzare i bambini ad acquisire abitudini corrette, dall’avere un rapporto sano ed equilibrato con il cibo a rispettare l’ambiente che li circonda. L’idea prende le mosse dai già collaudati incontri “Vivi il dietro le quinte”, organizzati sempre dalla Danza Immobile con il SBU per far incontrare il pubblico delle biblioteche, gli attori e i registi degli spettacoli del cartellone di prosa “Teatro + Tempo Presente”.
L’ingresso agli incontri è libero su prenotazione. Telefonando alla biblioteca di riferimento si avranno tutte le informazioni sull’iniziativa.
Primo appuntamento sabato 27 settembre, alle ore 10.30 alla Biblioteca Cederna di via Zuccoli, 16 a Monza (tel. 039 2020237).

Vivi il Dietro le quinte! – Calendario
Sabato 27 settembre 2014, ore 10.30
Biblioteca Cederna, via Zuccoli 16, Monza – tel. 039.2020237

Sabato 22 novembre 2014, ore 10.30
Biblioteca S. Gerardo, via Lecco 12, Monza – tel. 039.326376

Sabato 13 dicembre 2014, ore 10.30
Biblioteca Ragazzi, piazza Trento e Trieste 6, Monza – tel. 039.324197

Sabato 24 gennaio 2014, ore 10.30
Biblioteca Triante, via Monte Amiata 60, Monza – tel. 039.731269

Sabato 14 febbraio 2014 ore 15.30
Biblioteca S. Rocco, via Zara 9, Monza – tel. 039.2007882

Incontri per famiglie con bambini dai 3 agli 8 anni.
Ingresso libero su prenotazione.

Iniziativa realizzata da La Danza Immobile in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Urbano di Monza.

Contatti
Ufficio scuole Teatro Binario 7
Giulia Brescia
tel. 039 9191178
ufficioscuole@ladanzaimmobile.it
www.teatrobinario7.it

AL BIOPARCO DI ROMA SONO NATI DUE LICAONI

 

Roma, 31 luglio 2014 – Doppio fiocco azzurro al Bioparco di Roma: sono nati due cuccioli di Licaone (Lycaon pictus) specie ad altissimo rischio di estinzione: ne sopravvivono meno di seimila in natura.
Si tratta di due maschi, i genitori sono Okla e Chiaro, una giovane coppia di licaoni molto affiatata. Okla ha 3 anni e mezzo, è nata allo Zoo di Duisburg (Germania) ed è arrivata al Bioparco nel 2012. Il padre si chiama Chiaro, è nato nel 2006 allo zoo di Schwering (Germania) ed arrivato al Bioparco nel 2011.
“I cuccioli sono nati nella notte tra il 27 e 28 maggio scorsi – racconta il Presidente del Bioparco di Roma, Federico Coccìa – il parto è avvenuto all’interno della tana sotterranea scavata dai genitori, dove i neonati sono rimasti per il primo mese di vita e dove la mamma li ha allattati. Da quando hanno iniziato ad uscire all’esterno – conclude Coccìa – è iniziato lo svezzamento”.

I due cuccioli escono ogni giorno dalla tana, sempre sotto la stretta sorveglianza della madre, esplorando il territorio circostante, un’area di circa 580mq, che dividono con i genitori e con i sei fratelli più grandi, nati lo scorso anno, cinque maschi e una femmina. Per un totale di dieci individui.
La mamma è molto protettiva e può contare sulla collaborazione dell’intero gruppo. Infatti, oltre all’aiuto del padre, anche i fratelli contribuiscono alla crescita dei due maschietti, rigurgitando per loro il cibo pre-digerito.
I cuccioli non hanno ancora un nome: il Bioparco invita tutti i bambini a suggerire i nomi preferiti all’indirizzo mail: press@bioparco.it.

Il Licaone è classificato dall’IUCN (l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) come endangered (ovvero minacciato di estinzione in natura), rientra infatti in un progetto gestito dall’EAZA, l’Associazione Europea di Zoo e Acquari, che promuove la cooperazione finalizzata alla conservazione della Natura, in particolare attraverso il coordinamento internazionale dei programmi di riproduzione in cattività di specie selvatiche (EEP).

“La nascita dei due cuccioli ci inorgoglisce – sottolinea il Direttore generale del Bioparco, Tullio Scotti – perché siamo riusciti a creare un consistente gruppo sociale per una delle specie a maggior rischio di estinzione del Pianeta; in natura vivono in branchi di circa 20/25 individui, quindi essere arrivati a dieci unità è un ottimo risultato”.
Cesare Avesani Zaborra, Presidente dell’UIZA (Unione Italiana Zoo e Acquari) aggiunge: “mi congratulo con tutto lo staff del Bioparco; questi risultati si ottengono solo quando la passione si coniuga con la competenza di tutti coloro che hanno contribuito a questo successo. Salvare una specie anche fuori dal suo ambiente naturale – conclude Avesani – è una strategia irrinunciabile nell’epoca in cui viviamo, definita da molti ricercatori quella della sesta estinzione di massa delle specie animali”.

L’UFFICIO STAMPA – press@bioparco.it – 06.3608211

Centro Estivo Al cinema! Fondazione Gualandi

Nel mese di luglio per i bambini della città di Bologna la scuola Al Cinema! rimarrà aperta.

Sarà un’estate particolare: si costruiranno giocattoli in falegnameria o nel laboratorio delle terre, ci si sperimenterà in cucina, si stamperà in tipografia, si vedranno film insoliti al cinema, ci si prenderà cura del giardino e dell’orto… si giocherà insieme tutto il tempo!

E’ organizzato dalla Fondazione Gualandi a favore dei sordi ed il personale in servizio durante il mese di luglio è il medesimo di quello in servizio a scuola durante l’anno scolastico.

Possono iscriversi al Centro Estivo i bambini da 3 a 5 anni provenienti sia dalla scuola Al Cinema! sia da altre scuole.

per saperne di più: www.fondazionegualandi.it

Bimbimbici: domenica 11 maggio 2014, la 15^ edizione!

BIMBIMBICI è la manifestazione nazionale che la nostra FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) dedica in tutta Italia ai bambini fino agli 11 anni.

La data coincide con la Giornata nazionale della Bicicletta, indetta dal Ministero dell’Ambiente.

BIMBIMBICI è la nostra manifestazione annuale più allegra perchè protagonisti assoluti ne sono i bambini. Vuol far scoprire ai bambini di città, troppo sedentari e autotrasportati, il piacere e l’orgoglio dell’autonomia e del movimento all’aria aperta. BIMBIMBICI si rivolge però anche agli adulti – genitori, educatori, amministratori pubblici- perchè vuole richiamare l’attenzione di tutti sulla necessità di progettare città più sicure e a misura di bambino, soprattutto nei tragitti casa-scuola.

Lo scorso anno è stata organizzata in 250 città e vi hanno partecipato circa 80.000 persone. A Milano hanno sfilato per le vie cittadine 1400 persone.

Testimonial nazionale di BIMBIMBICI sarà nuovamente Filippa Lagerback, appassionata paladina di città più sane e attente ai bisogni dei bambini. Pedalerà con noi a Milano.

BIMBIMBICI a Milano.

A Milano è organizzata da Fiab Milano Ciclobby. E’ sempre patrocinata dal Comune di Milano. Quest’anno si svolgerà in piazza Castello, che da maggio sarà pedonalizzata. Vi sarà allestito il Village del Cyclopride Day, da cui partirà la 2^ edizione del Cyclopride che lo scorso anno ha visto una affluenza di varie migliaia di ciclisti e dove soggetti vari proporranno durante l’intera giornata attività variegate sul tema della mobilità sostenibile.

Fiab Milano Ciclobby con Bimbimbici focalizzerà la sua attenzione sui più piccoli, dedicando a loro tre eventi:

Il primo sarà la tradizionale, colorata ed allegra passeggiata in bici di un’ora per i più piccoli, accompagnati da genitori, nonni, zii, insegnanti, amici…Partiremo alle ore 12.

Ritrovo dalle 11,15. Iscrizione a contributo libero.

A tutti i bambini un gioco Playmobil e un omaggio Weleda alle mamme.

Anche quest’anno verranno premiati, con un ricco premio per le biblioteche scolastiche, i quindici gruppi scuola più numerosi che parteciperanno alla biciclettata. Basta segnalarsi alla partenza.

Seguiranno, dalle ore 13 alla 17 nei pressi del nostro stand all’interno del Village:

1) “Bicisicura” controllo gratuito di luci e freni di bimbi e adulti ad opera dei nostri meccanici volontari

2) “GiroBimbi-la scuola bici più divertente che c’è” per imparare le regole fondamentali dell’educazione stradale.

Con il patrocinio del Comune di Milano, di Fondazione Cariplo e di Touring Club Italiano.

In collaborazione con Cyclopride

Con il sostegno di CONAD, Ed.Coccinella, Ed.Mursia, Fate i capricci, Playmobil, Tucano Urbano, Weleda.

Con l’adesione di Genitori Antismog, Legambiente, gruppi scout

Per capire meglio lo spirito che anima Bimbimbici, vedere le edizioni passate in www.ciclobby.it/cms/attivita/bimbimbici

Fiab Milano Ciclobby

via Borsieri 4-Milano
tel 02.69311624 segreteria@ciclobby.it
ref. Anna Pavan annapav@alice.it 02.76008359

——————————————————————————–

La bici non consuma e non produce emissioni, non ingombra e non fa rumore: è un mezzo ecologico per definizione e ad alta efficienza energetica. La bicicletta migliora il traffico, l’ambiente, la salute e l’umore.

Fiab CICLOBBY onlus promuove l’uso della bici per la mobilità quotidiana e per il tempo libero.

MILANO – Fiab CICLOBBY onlus (via Borsieri 4/E – tel. 02.69311624)
http://www.ciclobby.it

ITALIA – Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB onlus)
http://www.fiab-onlus.it

AL BINARIO 7 SPETTACOLO PER LE FAMIGLIE: “IL TRENINO DEI CIBI SMARRITI”

La rassegna dedicata all’ambiente del Teatro Binario 7 di Monza si conclude domenica 13 aprile con uno spettacolo sulle tematiche dell’educazione alimentare

Monza, 1 aprile 2014. Il trenino dei cibi smarriti è il quinto e ultimo appuntamento della stagione “Teatro+Tempo Famiglie” del Teatro Binario 7 di Monza, in programma domenica 13 aprile alle ore 16.00, per i bambini dai 3 ai 7 anni. La rassegna, patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Culturali e di Sostenibilità del Comune di Monza, è nata con l’obiettivo di avvicinare i più piccoli alle tematiche dell’educazione ambientale, che rientrano tra le parole chiave di Expo Milano 2015: cibo, energia, pianeta, vita.
Grazie alla collaborazione tra La Danza Immobile, la compagnia che programma le stagioni del Teatro Binario 7, e il Sistema Bibliotecario Urbano di Monza (SBU), sono stati realizzati anche cinque incontri nelle biblioteche di Monza per famiglie con bambini dai 3 agli 11 anni. Attraverso letture e quiz si è fatto scoprire ai bambini lo stretto legame che esiste tra la storia narrata e lo spettacolo teatrale, ovvero come entrambi facciano parte dello stesso processo creativo. Al tempo stesso è stato raggiunto l’obiettivo di sensibilizzare i bambini ad acquisire abitudini corrette, dall’avere un rapporto sano ed equilibrato con il cibo a rispettare l’ambiente che li circonda.

La rassegna “Teatro + tempo famiglie” si è avvalorata anche della collaborazione con diverse cooperative e associazioni di Monza e della Brianza. Tra i partner che hanno aderito all’iniziativa: Legambiente, il Desbri, comitato verso il Distretto di Economia Solidale della Brianza, il Gas (Gruppo di acquisto solidale) di Brugherio “Cent coo cent crap”, l’Arci Scuotivento di Monza, la Cooperativa Il Villaggio Globale di Monza – che per due appuntamenti ha curato la merenda per i bambini presenti agli spettacoli – e G.Eco – Genitori Eco, un progetto per genitori di bambini da 0 a 3 anni che vogliono ridurre il loro impatto sull’ambiente e tutelare la salute dei bimbi.

La stagione, con quattro spettacoli all’attivo finora (Smart Energy, Le quattro stagioni, Fattoria allegria e Rifiuti umani), ha avuto un ottimo successo registrando 800 presenze totali.
I cinque incontri in biblioteca sulle tematiche della stagione hanno registrato 200 presenze tra bambini e genitori.

«Siamo molto soddisfatti perché abbiamo raggiunto l’obiettivo che si era posto la nostra amministrazione: coinvolgere con lo strumento teatrale bambini e famiglie su temi complessi ma strategici legati alla sostenibilità ambientale, sottolineando ancora una volta come in questa sfida è importante che tutti facciano la propria parte per diminuire la pressione sull’ambiente, dalle istituzioni ai cittadini, attraverso soprattutto un’attenzione verso i propri stili di vita. Voglio sottolineare la positiva collaborazione con la compagnia teatrale che ci ha aiutato a condurre una vasta opera di sensibilizzazione, anzitutto culturale, volta all’ideazione di iniziative coinvolgenti e stimolanti», ha commentato Francesca dell’Aquila, Assessore alle Politiche Culturali e di Sostenibilità del Comune di Monza.

ULTIMO APPUNTAMENTO: IL TRENINO DEI CIBI SMARRITI (13 aprile)
Nella Città delle Pecore, nel tecnologico Regno della Terra, un bel giorno non c’è più cibo. In stazione è arrivato l’allegro trenino che puntualmente rifornisce i negozi della città e fa bella mostra del suo affascinante locomotore e delle sue carrozze da sogno. Ma anche lui è drammaticamente vuoto.
Stanco di stare a capo di un gregge mansueto e arrendevole come quello, appunto, delle pecore, il montone Muffolone propone di andare a caccia di cibo.
Il viaggio porta fino al Regno dell’Aria, popolato da simpaticissimi uccelli, che trascorrono la loro vita cinguettando e acchiappando al volo insetti, oppure, beccando durissimi chicchi e semi. Ma questo cibo non è adatto alle pecore e il gregge riprende il viaggio. Arrivati al Regno dell’Acqua, le pecore fanno amicizia coi poetici e silenziosi abitanti del mare, che si nutrono di alghe. Anche qui è impossibile trovare cibo. Stanche e deluse, le pecore tornano in città. Sul treno trasportano i regali ricevuti dai nuovi amici dei due Regni visitati: semi e acqua; mescolandoli alla terra secca e inutilizzata di cui è ricco il loro Regno, con grande sorpresa vedranno nascere un giardino con i più squisiti e fioriti tipi di erbe e piantine, con cui prepararsi deliziose zuppe, torte dolci e salate, tisane, dessert: chi più ne ha più ne metta!

TEMATICHE AFFRONTATE
* Educazione alimentare: si stimola il bambino a scoprire il gusto della storia che c’è dietro un gesto assolutamente normale e quotidiano come il mangiare.
* Diversità: viaggiando fra mondi lontani, si scopre che altri esseri viventi hanno abitudini e mangiano cibi diversi dai propri; le pecore protagoniste della storia grazie ai loro differenti caratteri interpretano una tensione fra chi rifiuta il diverso, e chi invece lo rispetta e ne accoglie i doni.
* Ecologia: la storia mostra come i diversi mondi naturali (ecosistemi) non sono estranei l’uno all’altro, ma si intrecciano in un’alleanza vitale per i membri di ciascuno.
* Gioco di squadra: all’inizio della storia le pecore – le protagoniste – vengono rappresentate come personaggi chiusi in se stessi, ognuno preoccupato solo di consumare il proprio cibo venuto da chissà dove; per affrontare un problema comune scoprono la necessità di agire insieme, e alla fine apprendono anche il gusto di preparare insieme pietanze prelibate e creative.

 

testo, scenografia, musiche, interpretazione Mario Bertasa

spettacolo realizzato
in collaborazione con il GAS “Cent Coo Cent Crap” di Brugherio,
con il sostegno della Provincia di Milano, progetto “Solidale alla portata di tutti”

produzione ArtEventuale Teatro

età consigliata dai 3 ai 7 anni – domenica 13 aprile 2014, ore 16.00 – Durata: 50 minuti

Biglietti: intero € 8, ridotto € 6 (under25, over65, allievi LSDA,
abbonati altre stagioni, convenzionati), under14 € 4

Per info e prenotazioni:
Teatro Binario 7
via Filippo Turati 8, Monza
biglietteria@tetrobinario7.it
tel. 039 2027002
www.teatrobinario7.it

Domenica 6 aprile al Bioparco con gli oranghi

Fondazione Bioparco di Roma

In occasione dell’inaugurazione della nuova area degli oranghi, al Bioparco domenica 6 aprile si potranno conoscere tutti i segreti di queste scimmie antropomorfe e delle tre femmine di orango presenti: Petronilla e le sue due figlie, Martina e Zoe.

Dalle ore 11.00 alle 17.30, presso l’area degli oranghi, situata vicino a quella dei ‘cugini’ scimpanzé, gli operatori ludici e didattici guideranno i bambini in attività interattive per capire l’importanza di un pollice opponibile o come fare acquisti sostenibili per contribuire alla salvaguardia della specie in natura. Gli animatori didattici saranno inoltre a disposizione delle famiglie per svelare le curiosità e rispondere alle domande sul mondo dei primati.

BIOPARCO DI ROMA

INFO: 06.3608211 e www.bioparco.it

ORARIO: 9.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle ore 18.00)

Seguici su Facebook: www.facebook.com/amicidelBioparco

SOS bambini: il 6 Aprile 2014 corriamo la SuisseGas Milano Marathon.

Uniti nella corsa e nella solidarietà per finanziare il summer camp estivo.
Corro perché molto prima che le mie orme svaniscano, forse avrò ispirato qualcuno a rifiutare la strada facile, a scendere in pista, a mettere un piede davanti all’altro e ad arrivare alla mia stessa conclusione: corro perché questo mi porta sempre dove voglio andare (Dean Karnazes)

La primavera è alle porte e con il suo arrivo ritorna l’evento sportivo dedicato ai runner più importante d’Italia: la SuisseGas Milano Marathon che, il 6 aprile 2014, vedrà tutta la città (ri)popolarsi di maratoneti e staffettisti, brio e solidarietà. L’anno scorso hanno partecipato 13mila runner tra maratona e staffetta mentre 142 organizzazioni no-profit hanno raccolto 600mila euro. Il percorso da Rho Fiera a Piazza Castello rimane invariato: scorrevole, privo di asperità e con un’altimetria praticamente nulla. La corsa è di km 42,195 mentre le iscrizioni si chiuderanno il 23 marzo 2014. Ma la notizia è… che il Charity Program ci vede partecipanti per il secondo anno.

Sos Bambini correrà per donare un progetto agli amici rumeni che vivono negli istituti di accoglienza per l’infanzia. Iscrivendosi alla gara per noi, ci aiuterai a regalare loro un periodo di svago e serenità, finanziando il “Tabara 2014”, un campo estivo dove potranno seguire attività di sport e intrattenimento.

Offrirci il tuo supporto è molto semplice e puoi scegliere la formula più adatta a te:

1. Puoi partecipare singolarmente alla maratona (42,195km) o iscriverti formando una staffetta (4 runner) così da dividere la fatica con gli amici;
2. Proporre ai tuoi amici di sostenere la tua partecipazione con una raccolta fondi a sostegno del progetto “Sos Bambini Tabara – Summer Camp”, trasformando la tua sfida sportiva in una sfida di solidarietà;
3. Infine, puoi diffondere la nostra locandina nell’azienda dove lavori, nel tuo circolo sportivo, nella scuola dei tuoi figli, così da aiutarci a trovare altri runner

Dal 2004 la mission di SOS Bambini Onlus è di migliorare le condizioni di vita dei bambini, dalla nascita all’adolescenza, concentrando l’attenzione sui Paesi con situazioni di infanzia particolarmente disagiata (Romania e Guatemala attualmente). L’associazione è impegnata anche nel sostegno/adozione a distanza di bambini, ragazze madri e case famiglia; collabora con alcune strutture di Milano dove i volontari più attivi offrono il loro tempo libero durante la settimana o nei weekend.

L’associazione si avvale di soli volontari e non ha costi di struttura, questo per garantire che i fondi raccolti in beni e in denaro siano utilizzati esclusivamente per i progetti di sostegno.
Due volte all’anno, Sos Bambini invia in modo diretto e sicuro medicinali, indumenti, materiali per la scuola e giocattoli, prodotti per l’infanzia e cibo. In estate la Onlus accoglie le candidature di animatori, terapisti, psicomotricisti, sarte, idraulici, muratori e professionisti che vogliano mettere a disposizione il loro tempo per andare negli orfanotrofi di Sighet (Romania) a giocare, aiutare, portare gioia e competenze agli educatori e ai bambini. La struttura pronta ad accoglierli è funzionale, sicura, pulita.

Per maggiori informazioni:
Silvia Scialpi, Presidente di Sos Bambini 3337562231 Skype: maria.silvia.scialpi
Paola Baldacci, volontaria e ufficio stampa 3358310050 Skype: paola.baldacci
www.sosbambini.org
infotiscali@sosbambini.org
http://milanomarathon.it

Al TEATRO BINARIO 7 appuntamento per le famiglie: spettacolo “RIFIUTI UMANI”.

La rassegna dedicata all’ambiente prosegue domenica 9 marzo
con uno spettacolo che affronta il tema dell’accumulo dei rifiuti,
realizzato in collaborazione con WWF Italia.

Rifiuti umani è il quarto appuntamento della stagione “Teatro+Tempo Famiglie” del Teatro Binario 7 di Monza, in programma domenica 9 marzo alle ore 16.00, per i bambini dai 6 anni in su. La rassegna, nata dalla volontà dell’Assessorato alle Politiche Culturali e di Sostenibilità del Comune di Monza e della compagnia teatrale La Danza Immobile, ha l’obiettivo di avvicinare i più piccoli alle tematiche dell’educazione ambientale, che rientrano tra le parole chiave di Expo Milano 2015: cibo, energia, pianeta, vita.

LO SPETTACOLO
Rifiuti umani è nato da un progetto didattico in collaborazione con WWF Italia, per affrontare il tema dell’accumulo dei rifiuti solidi urbani in modo efficace e divertente. Dopo più di 500 repliche si conferma un valido esempio di come si possa fare educazione ambientale con umorismo e leggerezza e senza annoiare.
Comicità e semplicità di linguaggio, unite alla simpatia degli attori e delle situazioni mostrate ben si combinano con l’intenzione di far conoscere al pubblico utili informazioni, recepibili ad ogni livello di età e istruzione.

Lo spettacolo è la parodia di un documentario ambientato in una discarica, con una voce narrante che illustra genesi, evoluzione e attualità del problema dei rifiuti, analizzando i comportamenti quotidiani che ne sono la causa e fornendo una serie di esempi concreti che ne mettono a fuoco gli aspetti storici, culturali, economici ed ecologici.
Tre attori-spazzini-clown in tuta bianca esemplificano e interpretano i concetti e le situazioni annunciate, cambiando continuamente scene e caratteri, tra canzoni ironiche e azioni mimate, utilizzando gli oggetti raccolti in discarica, con effetti sorprendenti ed esilaranti.

Lo spettacolo è costruito sulla tecnica del teatro d’attore, con costumi e scenografie ridotti al minimo in modo da consentire rapidi cambi di carattere e di ambiente. Elementi caratteristici sono le canzoni dal vivo e l’interazione con la musica, che di volta in volta racconta, accompagna o sottolinea i momenti dell’azione, più delle parole stesse, che per scelta sono state ridotte al minimo.

Dopo lo spettacolo Rifiuti umani saranno offerti, a tutti i bambini, golosi assaggi equosolidali a cura della cooperativa “Il villaggio globale di Monza”.

LA COMPAGNIA
Luna e GNAC Teatro è una compagnia teatrale fondata nel 2008 da Michele Eynard e Federica Molteni. La ricerca sul comico, sulla comunicazione non verbale, sulla naturalezza in scena, sul mescolamento e la contaminazione dei linguaggi, il tratto ironico e leggero, fanno parte del bagaglio di esperienza e sensibilità della compagnia. Dal 2010 la compagnia, insieme a Slapsus e Ambaradan, diventa residenza teatrale negli spazi dell’ex monastero di Valmarina a Bergamo, con il contributo di Fondazione Cariplo.
Riconoscimenti alla compagnia:
– Miglior spettacolo ragazzi International Theatre King-festival-Velikiy Novgorod (Russia, 2011)
– Vincitore del FIT Festival di Lugano (Svizzera, 2010)
– Vincitore del Premio Ribalta 2010 come migliori attori
– Vincitore del Lalka tez czlowiek Festival di Varsavia (Polonia, 2010)
– Pick of the Edinburgh Fringe Festival (Regno Unito, 2009)

TEATRO BINARIO 7
Stagione “Teatro+Tempo Famiglie”

RIFIUTI UMANI

con Michele Eynard, Barbara Menegardo e Federica Molteni
testo e regia Michele Eynard
produzione Luna e Gnac Teatro in collaborazione con WWF Italia

età dai 6 anni in su

domenica 9 marzo 2014, ore 16.00

Durata: 50 minuti

Biglietti: intero € 8, ridotto € 6 (under25, over65, allievi LSDA,
abbonati altre stagioni, convenzionati), under14 € 4

Per info e prenotazioni:
Teatro Binario 7
via Filippo Turati 8, Monza
biglietteria@tetrobinario7.it
tel. 039 2027002
www.teatrobinario7.it

PIRATI, Domenica 2 Marzo – Teatro Helios!

Prossimo evento del teatro Helios:lo spettacolo teatrale con attori, musiche e pupazzi “PIRATI” presso il locale Cross Roads di Osteria nuova in via Braccinanase 771 (Roma).

 

Una ciurma di pirati squinternata in cerca di tesori, isole e mostri marini …tutti a bordo della nave Pesce Lesso , si parte alla ricerca di nuove avventure.

 

Domenica 2 marzo 2014 ore 15,30

dopo lo spettacolo pizza e bibite e ingresso parco giochi per bambini .
Prenotazioni su info@teatrohelios.it
biglietto unico 15 euro
3203106062

La Bella e la Bestia… Preparatevi a vedere con il cuore!

Domenica 23 marzo, all’ Auditorium Pime Via Mosè Bianchi 94, alle ore 16.30

la pluri premiata compagnia teatrale Kairos metterà in scena per la gioia di grandi e piccini una bellissima edizione de La Bella e la Bestia.

Lo spettacolo, liberamente adattato dalla regista Maria Luisa Desiderio, ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui “Miglior spettacolo” (Carnago), “Migliori costumi” (Busto Arsizio) nei concorsi per gruppi teatrali amatoriali.

Tutto il ricavato della giornata andrà a sostegno di ASBIN, , attiva presso l’Unità Spinale di Niguarda a favore di 400 bambini con Spina Bifida e delle loro famiglie provenienti da tutta Italia.

La spina bifida è una grave malformazione congenita, che in Italia colpisce un bambino ogni 1300 nascite e che comporta problemi motori, sensoriali e in alcuni casi di ritardo cognitivo.

Presso il Centro Spina Bifida di Niguarda, grazie ai fondi raccolti da ASBIN i bambini trovano le migliori cure mediche, percorsi riabilitativi personalizzati, sostegno psicologico durante la crescita, attività sportive e socializzanti.

Ingresso con donazione di 10 euro per gli adulti, 5 euro per i bambini fino ai 10 anni

Per informazioni e prenotazioni: ASBIN Onlus – Tel 02 6472490 – comunicazione@asbin.it – www.asbin.it

 

 

Nuovi orari della mostra… in attesa dell’asta!

Calimero
“E’ un’ingiustizia però!” – 1963-2013
13 dicembre 2013 – 9 marzo 2014
Milano, Palazzo della Permanente, via Turati 34

nuovi orari di apertura:

Da martedì a venerdì: dalle 14.30 alle 18.30

 

Sabato e domenica: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30

 

Aperture settimanali al mattino riservate a scuole e gruppi su prenotazione al numero 02.89412141

 

Tantissimi hanno già visitato la mostra, grandi e piccini, nonni e nonne! Ci avviciniamo al giorno della GRANDE ASTA dei gusci in resina prodotti per l’occasione e utilizzati come mezzo espressivo da artisti, intellettuali e personaggi famosi. Verranno messi all’asta al termine della mostra e il ricavatosarà devoluto per finanziare il progetto “Diritti in campo” promosso dall’Organizzazione Save the Children in collaborazione con Ava e Reckitt Benckiser.

L’esposizione è l’occasione per far conoscere la genesi di un cartone animato dalla stesura del racconto alla traduzione in sequenze, alla successione dei disegni per permettere il movimento dei personaggi (50 disegni per ogni secondo di animazione), fino al montaggio e alla proiezione.

Il pubblico può ammirare una selezione di oltre 6 ore di cartoni animati: dai primi Caroselli in bianco e nero alle storie di Calimero e Priscilla, fino alle avventure di Calimero e Valeriano; decine e decine di personaggi, da Cesira a Gallettoni a Papero Piero, tutti scaturiti dalla felice matita dei fratelli Pagot.

 

 

FATTORIA ALLEGRIA, Teatro BINARIO 7 a Monza.

FATTORIA ALLEGRIA – 16 febbraio 2014, ore 16 – TEATRO BINARIO 7 Via Turati 8, 20900 Monza

(testo Stefania Pendezza – drammaturgia e regia Silvia Barbieri)

con: Max Brembilla e Giusi Marchesi
costumi e oggetti di scena: Marilena Burini
musiche originali: Daniele Ghisi

scenografia: Laboratorio scenografico Teatro Prova
luci: Dalibor Kuzmanic

produzione: Teatro Prova

età consigliata dai 3 agli 8 anni

Il contatto diretto con la terra e i suoi frutti è un eccellente punto per la costruzione di mentalità e comportamenti responsabili volti al rispetto di sé e dell’ambiente. Stefania Pendezza

Lo spettacolo è la riscrittura teatrale del libro di Stefania Pendezza “Le Agriavventure del Topino Pino” edito dalla Regione Lombardia- Direzione Generale Agricoltura, arricchita dai contributi tratti da diversi manuali agroalimentari della stessa autrice e da alcune suggestioni della favola di Esopo “Il topo di città e il Topo di Campagna”.
La scoperta della fattoria diventa un viaggio curioso e divertente nel mondo agricolo e nei suoi prodotti attraverso la vita ed i processi che vi si svolgono, invitando i giovani spettatori ad apprezzare e gustare i prodotti della terra. Il testo pensato per i piccoli, coniuga l’aspetto scientifico con quello della cultura e della tradizione, in un’esperienza dove la narrazione, l’animazione di oggetti, il canto e la danza si uniscono alla scoperta sensoriale della fattoria.
L’allestimento e gli oggetti di scena sono realizzati con la trasformazione di tovaglie, tovaglioli cuscini, presine, bavaglini, guanti da cucina, aghi, gomitoli di lana: attraverso la piegatura e il loro assemblaggio gli attori presenteranno gli animali della fattoria.
Piccoli arcolai della lana diventeranno le arnie delle api, il cesto di paglia si trasformerà in gallina, la cassetta della frutta in piccolo orto e i tovaglioli in colorati coniglietti: imparare giocando con la manualità e l’uso fantastico di oggetti della quotidianità domestica di antico sapore.

Dopo lo spettacolo saranno offerti, a tutti i bambini, golosi assaggi equosolidali a cura della cooperativa “Il villaggio globale di Monza”.

Biglietti: intero € 8, ridotto € 6 (under25, over65, allievi LSDA, abbonati altre stagioni, convenzionati), under14 € 4

prenota qui Ricordiamo che le prenotazioni on-line, dovranno essere effettuate entro le ore 18 di venerdì 14 febbraio. La prenotazione è da ritenersi valida solo dopo risposta di conferma.

Domenica 2 febbraio: Marco Pagot alla mostra di Calimero!

Calimero: “E’ un’ingiustizia però” 1963 – 2013

Marco Pagot, figlio di Nino, uno dei padri di Calimero, e autore egli stesso di tante avventure del nostro amato pulcino nero ci aspetta, domenica 2 febbraio, alla mostra, al Palazzo della Permanente.
Chi vorrà, potrà incontrarlo e fargli domande sulla nascita ed evoluzione di Calimero e visitare insieme a lui le 9 sezioni della mostra con oltre
150 disegni originali.

Marco Pagot mentre scrive la dedica per Il Portale dei Bambini… per tutti i nostri piccoli lettori!

I bambini potranno fermarsi nell’aria ludica appositamente studiata per loro e
guardare le serie TV. Vi aspettiamo numerosissimi!

 

Palazzo della Permanente via Turati 34 – Milano

Martedì – Domenica 10,00 – 13,00 – 14,30 – 18,30
Lunedì chiuso
www.calimerolamostra.it

 

Calimero, la mostra.

La mostra di Calimero è un vero successo … I grandi rivivono i momenti sereni passati con il “pulcino nero” mentre i più piccoli conoscono un nuovo amico d’avventura!
Calimero “E’ un’ingiustizia però!” – 1963-2013
13 dicembre 2013 – 9 marzo 2014

Milano, Palazzo della Permanente, via Turati 3

Orari: dal Martedì alla Domenica, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30 ( Lunedì – chiuso)

Per dar modo a tutti di poter passare qualche bel momento, la mostra resta aperta anche nei giorni festivi:

24 Dicembre 2013 – dalle 10,00 alle 13,00

25 Dicembre 2013 – dalle 14,30 alle 18,30

26 Dicembre 2013 – dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30

31 Dicembre 2013– dalle 10,00 alle 13,00

01 Gennaio 2014 – dalle 14,30 alle 18,30

06 Gennaio 2014 – dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30

 

 

 

www.calimerolamostra.it

Calimero festeggia 50 anni! Il portale festeggia con lui!

Per la prima volta una mostra dedicata al celebre pulcino nero, nato 50 anni fa da un’idea di Nino Pagot, Toni Pagot e Ignazio Colnaghi

Calimero
“E’ un’ingiustizia però!” – 1963-2013
13 dicembre 2013 – 9 marzo 2014

Milano, Palazzo della Permanente, via Turati 34

“Quando un personaggio genera un nome comune ha infranto la barriera dell’immortalità ed è entrato nel mito.” (U.Eco)

E’ Milano la prima città che ospiterà la mostra dedicata a Calimero, il pulcino nero nato 50 anni fa da un’idea di Nino Pagot, Toni Pagot e Ignazio Colnaghi per promuovere un detersivo nell’indimenticabile stagione di Carosello.
Diventato presto uno dei personaggi più amati dal pubblico, Calimero ha rappresentato nell’immaginario di ciascuno di noi l’eroe e l’antieroe, il piccolo fragile, tenero e ingenuo, il compagno fedele di avventure e disavventure, l’amico simpatico e sensibile, capace di conquistare il cuore di grandi e piccini.

La sua vocina inconfondibile che protesta “E’ un’ingiustizia però!” ha fatto il giro del mondo, in tante lingue. A lui sono state dedicate ricerche, canzoni, libri, citazioni. Il mondo dello sport, della politica e della moda lo hanno riconosciuto come simbolo, prendendone spesso a prestito il nome.
50 anni di avventure di Calimero diventano oggi una mostra, suddivisa in 9 sezioni, che attraverso disegni, tavole originali, storyboard, cartoni animati, video e oggetti, attinti dal ricchissimo archivio Pagot, racconta la storia del pulcino nero dalla sua prima apparizione, il 14 luglio 1963.

Sebbene l’avvento dell’era digitale abbia nel tempo modificato le fasi di lavorazione relative all’animazione, Calimero e le sue avventure sono arrivati con successo fino al 3D.

La mostra, patrocinata dal Comune di Milano, promossa e organizzata dalla Team Entertainment presso il Palazzo della Permanente di Milano, è curata da Dario Cimorelli con la collaborazione di Marco Pagot. Il Gruppo Reckitt Benckiser, proprietario del marchio Ava, è il main sponsor di questo evento, che sancisce il sodalizio storico e profondo esistente tra il brand ed il pulcino nero.

Oggi, come allora, Ava “come lava” rinnova la propria missione a favore di un mondo più pulito, anche grazie al proprio impegno sociale contro le ingiustizie e l’emarginazione, al fianco dei più piccoli.

L’esposizione è l’occasione per far conoscere la genesi di un cartone animato dalla stesura del racconto alla traduzione in sequenze, alla successione dei disegni per permettere il movimento dei personaggi (50 disegni per ogni secondo di animazione), fino al montaggio e alla proiezione.
Il pubblico potrà ammirare una selezione di oltre 6 ore di cartoni animati: dai primi Caroselli in bianco e nero alle storie di Calimero e Priscilla, fino alle avventure di Calimero e Valeriano; decine e decine di personaggi, da Cesira a Gallettoni a Papero Piero, tutti scaturiti dalla felice matita dei fratelli Pagot.
Completano il percorso un’area didattica dedicata ai più piccoli, nonché l’esposizione di grandi gusci in resina prodotti per l’occasione e utilizzati come mezzo espressivo da artisti, intellettuali e personaggi famosi.

Questi gusci/cappelli resi unici dalla loro arte, verranno messi all’asta al termine della mostra e il ricavato devoluto per finanziare il progetto “Diritti in campo” promosso dall’Organizzazione Save the Children in collaborazione con Ava e Reckitt Benckiser.

Calimero
E’ un’ingiustizia però!” – 1963-2013
13 dicembre 2013 – 9 marzo 2014 – Milano, Palazzo della Permanente, via Turati 34

Info:
TeamEntertainment S.r.l. – Via Melchiorre Gioia, 72 – 20125 Milano
email: info@teamentertainment.eu

UFFICIO STAMPA
Setteluci – Manuelita Maggio – maggio@setteluci.net
mobile: +39 3384132673

Orari: Martedì – Domenica 10,00 – 13,00 | 14,30 – 18,30 | Lunedì – chiuso
Prezzo del biglietto: 8 euro

Cappuccetto Rosso – La Commedia Musicale

“Cappuccetto Rosso – La Commedia Musicale”
Liberamente ispirato alla fiaba di Charles Perrault

In un mondo non troppo lontano dal nostro, il mondo fatato delle fiabe, la piccola Cappuccetto Rosso vive con la mamma e la nonna Clara in una casetta al centro di un villaggio, a ridosso di un folto bosco.
Cappuccetto è una bambina irrequieta, spericolata e anche un tantino ribelle, con un legame speciale con la nonna, sua compagna di giochi e avventure. Un giorno Clara decide di andare a vivere nella sua casetta in mezzo al bosco, lontana da figlia e nipote. Un brutto colpo per Cappuccetto che il pomeriggio stesso, dopo l’ennesimo litigio con la mamma, fugge da casa per andare a trovare la nonna. A nulla servono i consigli di tutti quelli che le ripetono che è pericoloso addentrarsi soli nel bosco.
Infatti nel bosco vive il Lupo, sbadato e tontolone, che da tempo ha perso la sua fama di spaventosa creatura divoratrice di umani, ma che sembra ora tornato all’attacco e deciso a riconquistarsi la fama perduta. Quale migliore occasione dell’arrivo di Cappuccetto, sola soletta nel bosco, per “papparsi “una bambina in un solo boccone e tornare il temibile Lupo di una volta?
Il Lupo viene avvistato in paese e quando la mamma di Cappuccetto realizza che la sua bambina fuggita nel bosco è in serio pericolo, viene organizzata una piccola squadra di ricerca per salvare la piccola, guidata dal Cacciatore Raul, il quale ha lui stesso con il lupo qualche conto in sospeso…

Parte da Milano il prossimo 13 dicembre al Teatro della Luna il nuovo family show “Cappuccetto Rosso – La Commedia Musicale”. Grandi scenografie in stile “ToonTown”, costumi fiabeschi, una nuovissima colonna sonora originale firmata da Giovanni Maria Lori, coreografie ritmate e coinvolgenti. Il pubblico ritroverà le atmosfere della fiaba, ma anche colpi di scena che lo stupiranno. Uno spettacolo di musica ed emozioni in cui gli spettatori si sentiranno coinvolti, e potranno divertirsi e commuoversi.
Un vero family show, un’occasione unica per condividere l’emozione del teatro insieme ai più piccoli. Non semplicemente un musical ma una vera e propria commedia musicale da vivere insieme a tutta la famiglia. Lo spettacolo dopo Milano (13 e 14 dicembre -Teatro della Luna) sarà nel nord Italia, a grande richiesta, per festeggiare con grandi e piccini le festività natalizie. Primo fra tutti sarà a Lugano il 23 dicembre al Palacongressi, poi a Padova il 26 dicembre al Teatro Geox, il 4 gennaio al Teatro Sociale di Como e il 6 gennaio a Brescia al Palabrescia per una giornata doppiamente emozionante. Queste sono solo le prime date di una lunga tournée che attraverserà nella prima metà del nuovo anno centro e sud Italia e che vedrà i nostri protagonisti impegnati fino ad aprile 2014. Le nuove date vi saranno rese note nei prossimi giorni.

http://www.cappuccettorossoilmusical.it

presenta

“Cappuccetto Rosso – La Commedia Musicale”
Liberamente ispirato alla fiaba di Charles Perrault

libretto originale Tobia Rossi
liriche di Antonio Torella
musiche originali di Giovanni Maria Lori
coreografie di Francesca Cis
scenografie Arte Italiana di Barbara De Monte
costumi di ABCD Theatre Style
Vocal Coach Francesco Lori
distribuzione Giovanna Gattino
ufficio stampa VerbaVolant di Lia Chirici

regia di Marco Giony
aiuto regia Mattia Ferretti

DATE TOURNEE 2013

13 e 14 dicembre Milano Teatro della Luna
23 dicembre Lugano Palacongressi
26 dicembre Padova Teatro Geox
4 gennaio Como Teatro Sociale
6 gennaio Brescia Palabrescia

Le prossime date verranno comunicate a breve

Teatro della Luna
Via G di Vittorio, 6
20090 Assago (MI)
Tel. 02.488577516
www.teatrodellaluna.com – www.facebook.com/teatrodellaluna

Venerdì 13 ore 21.00
Sabato 14 ore 15,30 e ore 21.00

PREZZI DEI BIGLIETTI comprensivi di prevendita
Poltronissima Blu € 33,00
Poltronissima € 27,00
Poltrona € 20,00
Prezzi speciali per under 14 e per over 70

Pacchetto famiglia:
Poltronissima Blu € 19,50 adulti
Poltronissima Blu ragazzi – under 14 – 11,50

 

Tre meravigliosi giorni al G COME GIOCARE!

[slideshow type=”nivo” source=”{g}” effect=”boxRainReverse” directionNav=”true” pauseOnHover=”true” align=”left” height=”480px”][/slideshow]

 

Il portale dei bambini e …Calimero!

I tre giorni del G come Giocare 2013 sono stati molto intensi, la nostra redazione ha giocato con tanti, ma proprio tanti piccoli amici!

Venerdì 22 novembre è iniziata l’avventura, appena arrivati abbiamo subito aperto “il grande libro dei giochi” e l’avventura è iniziata.
Il libro è una vera e inesauribile fonte di gioco… si aprono porticine e finestre e… si libera la fantasia!

Hanno partecipato anche i bimbi più piccoli perchè il librone è resistente e”ci lascia fare”! Tutti dentro alla magia, tutti insieme!

Con grande sorpresa, i nostri dolcissimi utenti hanno trovato una vera cameretta allestita con tanto di comode potroncine, un divano e… tante tesserine INCASTRO con cui si sono cimentati in ponti, astronavi, case, animali di altri mondi…Colore e allegria si sono incastrate con la loro fantasia!

La grande sorpresa di sabato è stato il grande Calimero: tutti hanno voluto farsi fotografare, abbiamo scattato centinaia di foto… questa volta non si sono divertiti solo i bambini: mamme, papà e nonni hanno messo mano ai ricordi!

Domenica 24 Novembre, è stata la giornata delle famiglie… Abbiamo allestito il laboratorio di disegno per bambini dai 4 ai 10 anni. Il nostro bravissimo illustratore, il magico Pier ha giocato con: “Calimero e i suoi nuovi Amici! Laboratorio di pittura”

Calimero è’ tornato, si aggira per il mondo.
Corre per le strade e tutti lo salutano.
Calimero è in cerca di nuovi amici!

Un laboratorio di pittura dove tutti i partecipanti hanno disegnato e colorato, con pennarelli e matite, simpatici ed elettrizzanti personaggi.
Nel frattempo, un bosco ha preso forma e Calimero è comparso in un disegno assieme ad altri inaspettati personaggi immaginati e disegnati dal vivo dall’Illustratore Pierluigi Pintori (conoscilo meglio nella pagina dedicata alla Redazione).

Clicca qui per vedere alcune opere dei nostri amici!

 

 

 

Il portale dei bambini al Reatech

Zazza’ Animatrice … e la festa diventa speciale!

Vuoi una festa speciale… indimenticabile?

Ecco cosa offre Zaza’:

  • eco-compleanni con laboratori,
  • compleanni con esperimenti scientifici,
  • feste a tema,
  • feste solo per mamme,
  • letture animate,
  • gruppi di incontro mamme,
  • truccabimbi atossico all’acqua..
  • e molto altro ancora!

 

https://www.facebook.com/zazza.animatrice