Legamebiente: Io non mi rifiuto: carta riciclata

 Il Portale dei bambini

IO NON MI RIFIUTO

Carta Riciclata

Tagliare alberi senza rimpiazzarli, provoca l’aumento dell’emissione di anidride carbonica nell’aria contribuendo in maniera nociva al surriscaldamento della terra. Il numero delle discariche non è sufficiente per tutti i prodotti, è quindi necessario attuare strategie di riciclaggio. Riciclare è una legge di natura, una fonte di creatività e di prosperità, rendiamola parte integrare della vostra vita! Ricicliamo e realizziamo la carta riciclata, eseguendo il suo processo di lavorazione dall’inizio alla fine. Utilizzare la carta riciclata rappresenta un contributo importante la tutela dell’ambiente. Il miscuglio di carta che si produce no è velenoso, ne contiene della sostanze pericolose. Non è da considerarsi pericoloso nemmeno l’inchiostro da stampa, che sale in superficie durante la lavorazione. materiale occorrente: recipiente grande di plastica – Vaschetta bassa di plastica – Frullatore a immersione – Pezzi e strisce di carta di vecchi giornali – Telaio con il vaglio – Cornice per la forma – Ritagli di stoffa. Il Portale dei bambini 1. La carta viene tagliata in pezzi più piccoli possibile e messa nel recipiente grande in ammollo solo con acqua. Dopo l’aggiunta dell’acqua si frulla il tutto per almeno 5 minuti. Non si devono vedere più i singoli pezzi di carta, ma solamente le fibre. Questo composto viene vuotato nella vaschetta bassa e diluito con altra acqua. Il Portale dei bambini 2. E’ possibile aggiungere della tempera per rendere i fogli finali colorati. Dopo aver unito il telaio e la cornice, li si immerge nella vaschetta, il telaio deve essere immerso in modo obliquo e poi alzato lentamente. L’acqua residua viene fatta gocciolare muovendo il telaio tenuto sempre in modo obliquo. Il Portale dei bambini 3. Mettere un pezzo di stoffa su un tavolo; togliere la cornice dal telaio; voltare il telaio adagiandolo gradualmente sulla stoffa, tamponare con la spugna catturando l’acqua residua, poi sollevando con cautela il telaio separare la carta. Trasferire la carta bagnata su un foglio di giornale asciutto. Il panno con il foglio di carta vengono alzati su due lati e messi sul foglio di giornale, poi il panno umido viene separato delicatamente dalla carta. I bordi della carta sono la parte più fragile. Quando il panno è stato separato del tutto dalla carta, essa viene lasciata ad asciugare sul foglio di giornale. Il Portale dei bambini

Contenuti a cura di Anna Francesca Scarpino, CIRCOLO FESTAMBIENTE Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ”Il Girasole”.

Legambiente – Io non mi rifiuto presenta: eco lavoretto pasquale

 Il Portale dei bambini

IO NON MI RIFIUTO

ECO LAVORETTO PASQUALE

 Il Portale dei bambini Prima di differenziare i tuoi rifiuti pensa che alcuni di questi possono essere trasformati in semplici e divertenti giochi. Oggi prepareremo un eco lavoretto pasquale, trasformeremo dei rotoli vuoti di carta igienica in simpatici animaletti. Un coniglietto e un pulcino che potranno essere riempiti con cioccolatini o usati come segnaposto. Il Portale dei bambini 1. materiale occorrente: 2 rotoli vuoti di carta igienica – avanzi di filo di lana giallo e rosso- ritagli di carta crespa gialla e bianca – avanzi di cartoncino giallo, bianco e arancione – avanzi di fili di lana o nastri colorati – colla stik – forbici – pennarelli rosa, nero e grigio Il Portale dei bambini 2. rivesti i rotoli con la carta crespa o la carta velina o in alternativa colorali con le tempere.
3. dai cartoncini giallo e bianco ritaglia le zampine. Il Portale dei bambini  Il Portale dei bambini 4. dal cartoncino arancione ritaglia un triangolino che sarà il becco e dalla carta crespa gialla 2 piccole ali, prepara dal filo di lana rosso un fiocchetto e da quello giallo un ciuffetto. Il Portale dei bambini 5. sempre dal cartoncino bianco ritaglia 2 zampine, dalla carta crespa bianca ritaglia le orecchie del coniglio e dal cartoncino rosa altre 2 orecchie più piccine, col filo rosso prepara un fiocchetto. Il Portale dei bambini 6. assembla tra loro le parti seguendo l’immagine.

 Il Portale dei bambini

Contenuti a cura di Anna Francesca Scarpino, CIRCOLO FESTAMBIENTE Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ”Il Girasole”.

Legambiente – Io non mi rifiuto presenta: da bottiglia a maracas

 Il Portale dei bambini

IO NON MI RIFIUTO

DA BOTTIGLIA A MARACAS

Prima di differenziare i tuoi rifiuti pensa che alcuni di questi possono essere trasformati in semplici e divertenti giochi. Ora trasformeremo una bottiglia di plastica in una maracas. Le maracas sono strumenti a percussione nati nel sudamerica ricavati da una zucca cava riempita di sassolini e munita di
impugnatura. Il Portale dei bambini materiale occorrente: 1 bottiglietta di plastica – 4 tappi di plastica – una manciata di riso o sassolini – avanzi di carta velina o stoffa – avanzi di fili di lana o nastri colorati – nastro carta – colla stik – forbici Il Portale dei bambini 1. con l’aiuto di un adulto taglia a metà la bottiglia e riempi una parte con i tappi e il riso o i sassolini Il Portale dei bambini 2. richiudila incastrando le due parti e fermale con il nastro carta Il Portale dei bambini 3. rivestila con la carta velina o la stoffa, fermandola nella parte del tappo che diventerà l’impugnatura Il Portale dei bambini 4. spazio alla fantasia, decora a piacere con i fili di lana o i nastri colorati o in alternativa con dei disegni.

 Il Portale dei bambini

Contenuti a cura di Anna Francesca Scarpino, CIRCOLO FESTAMBIENTE Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ”Il Girasole”.

Legambiente – Il Girasole, Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile di Legambiente

 Il Portale dei bambini
Il Girasole, Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile di Legambiente

A Grosseto, nel cuore della Maremma toscana, terra di natura e paesaggi mozzafiato, di ricchezze storiche e archeologiche a due passi dal Parco Naturale della Maremma c’è il Centro nazionale per lo sviluppo sostenibile ”Il Girasole” di Legambiente, punto di riferimento per iniziative, attività e progetti legati alla sostenibilità ambientale. E’ da sempre meta ideale per gli amanti della natura, famiglie, scuole o gruppi organizzati.

Durante la visita didattica si ha la possibilità di vivere un’esperienza diretta all’insegna della Natura entrando in relazione con i temi legati all’Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, attraverso una serie di molteplici proposte di attività didattiche e laboratori didattici che permettono di riscoprire giocando, le bellezze della natura e prendere contatto con le tematiche ambientali: un’occasione di svago coniugato all’apprendimento.

Tutte le nostre attività vengono svolte all’interno dell’area del Centro, una struttura eco-compatibile, dove vengono realizzati esempi concreti di buone pratiche quotidiane nel campo ambientale come la raccolta differenziata, il risparmio idrico e il risparmio energetico.

Il Centro Il Girasole ha grandi spazi all’aperto, aule e laboratori, oasi per rilassarsi immersi in un magnifico oliveto e nella campagna maremmana, proprio su una terrazza di fronte al Parco Regionale della Maremma.

LE ATTIVITA’ ed i PERCORSI DIDATTICI di LEGAMBIENTE

Le tematiche trattate:
Mutamenti climatici ed Energie rinnovabili;
Rifiuti: riduzione, riuso, riciclaggio e recupero;
Sana alimentazione e agricoltura di qualità;
Ecosistema Maremma: la fauna e la flora mediterranea;
Acqua, rispetto e risparmio di una risorsa preziosa.

Il Laboratorio dove si svolgono le attività didattiche è autonomo dal punto di vista energetico grazie a 6 pannelli solari fotovoltaici della potenza di 175 kwp ciascuno, ed è coibentato lungo le pareti con pannelli isolanti ecologici (legno magnetite), i mobili sono in materiale ecocompatibile, l’acqua utilizzata proviene in parte da un impianto per la raccolta delle acque piovane, mentre le vernici utilizzate, tutte atossiche e composte da pigmenti naturali, rispettano i principi della cromoterapia: giallo e arancione per stimolare la concentrazione, la creatività e la lucidità cosciente.

Nel corso di questi ultimi anni il Centro ha ospitato più di 140 scuole per un totale di oltre 7.000 presenze all’anno. A ciò si uniscono i campi estivi attivati con successo dal 2005 con oltre 1.000 presenze. Nell’ultimo anno si sono registrate 4.584 presenze da turismo scolastico nazionale, 5.495 presenze per attività realizzate con le scuole locali, oltre 170 attività di educazione ambientale rivolte alle scuole. La struttura, aperta tutto l’anno organizza tantissime attività formative per adulti e ragazzi oltre a sportelli informativi permanenti.

I nostri Parametri di Ecoefficienza

Rifiuti
Si effettua la raccolta differenziata grazie ad un sistema di oasi ecologiche dislocate in diversi punti interni ed esterni.
La carta utilizzata per uso sanitario (carta igienica, fazzoletti, tovaglioli, ecc.) è riciclata e prodotta senza l’utilizzo di sostanze nocive.
I detersivi e detergenti utilizzati per le pulizie sono biodegradabili al 100%.
Acqua
Le toilettes dell’intera struttura sono dotate di riduttori di flusso applicati ai rubinetti e alle docce e di doppi scarichi applicati ai wc, che contribuiscono ad una riduzione fino al 50% del consumo di acqua.
Le acque meteoriche in parte vengono captate da un impianto di recupero utilizzato per l’irrigazione dell’orto didattico e in parte vengono riciclate attraverso un impianto sperimentale di fitodepurazione
Le siepi ed i giardini sono realizzati con piante mediterranee, poco idroesigenti.
Ristorazione
Gli ingredienti degli alimenti somministrati provengono per la maggior parte da agricoltura e/o allevamenti biologici.
L’acqua potabile viene trattata, purificata e servita solo in caraffe di vetro, eliminando le acque minerali in bottiglia.
Energia
La maggior parte dell’energia elettrica consumata proviene da due impianti fotovoltaici da 5 e da 1 Kwp, installati sul tetto della struttura.
Risparmio ottenuto: 4,7 t di CO2/anno.
L’80% dell’acqua calda per uso sanitario proviene da un impianto solare termico composto da 8 pannelli per una superficie complessiva di 18.62 m2.
Risparmio ottenuto: 6 t di CO2/anno.
Il sistema di riscaldamento è alimentato da due caldaie a condensazione da 35KW ciascuno integrate all’impianto solare termico.
Risparmio ottenuto: 20 t di CO2/anno.
L’illuminazione è affidata a lampade a basso consumo e dimmerabili, cioè dotate di un regolatore elettronico che per controllare la potenza si basa sull’intensità di illuminazione esterna.
Risparmio ottenuto: 600 Kg di CO2/anno.
Tutto l’edificio è dotato di infissi con doppi vetri selettivi per ridurre le dispersioni di energia termica.
Risparmio ottenuto: 5 t di CO2/anno.
I termosifoni sono dotati di valvole termostatiche che consentono un risparmio di circa il 15% del combustibile.
Risparmio ottenuto: 6 t di CO2/anno.

Per maggiori info: www.legambienteilgirasole.it e-mail: info@legambienteilgirasole.it

Contenuti a cura di Anna Francesca Scarpino, CIRCOLO FESTAMBIENTE Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ”Il Girasole”.